facebook rss

“Genitori a scuola”
con Anna Oliverio Ferraris

OSIMO - La nota scrittrice e psicoterapeuta discuterà de “L'importanza del gioco spontaneo nell'infanzia”, lunedì 8 aprile al teatro La Nuova Fenice
Print Friendly, PDF & Email

Il teatro La Nuova Fenice di Osimo (foto d’archivio)

 

Lunedì 8 aprile, alle ore 21, presso il teatro La Nuova Fenice di Osimo si terrà l’appuntamento conclusivo del progetto “Genitori a scuola”, partito lo scorso novembre, su iniziativa dell’azienda speciale A.S.S.O., con la finalità di sostenere ed accompagnare i genitori nel loro compito educativo. La professoressa Anna Oliverio Ferraris discuterà de “L’importanza del gioco spontaneo nell’infanzia”. Il gioco non solo rappresenta una “scarica di energie” consentendo di esprimere emozioni, ma anche un valido supporto per importanti apprendimenti fisici, sociali e cognitivi.

Anche nell’epoca delle tecnologie digitali e dei videogiochi, i giochi spontanei di movimento continuano ad avere un ruolo importante per lo sviluppo del corpo e della mente dei bambini. Studi recenti dimostrano infatti che gli adolescenti che negli anni dell’infanzia hanno avuto modo di giocare all’aperto e con i coetanei sono più intraprendenti e sicuri di sé, più capaci di organizzarsi e meno dipendenti da alcol e droghe, più abili nei movimenti e nel fronteggiare gli imprevisti. Inoltre, i giochi di fantasia inventati dagli stessi bambini rispondono alle loro esigenze di crescita e di adattamento all’ambiente di vita.

La sede della Asso, l’azienda speciali per i servizi sociali, educativi e culturali del Comune di Osimo

Scrittrice e psicoterapeuta, già docente di psicologa dell’età evolutiva all’Università la Sapienza di Roma, Anna Oliverio Ferraris è autrice di saggi, articoli scientifici e testi scolatici in cui affronta i temi dello sviluppo normale e patologico, dell’educazione, della famiglia, della scuola, della comunicazione e del rapporto con i media. E’ stata membro della Consulta Qualità della Rai e del Comitato Nazionale per la Bioetica. Ha diretto per nove anni la rivista Psicologia Contemporanea e scritto per molti anni sulla pagina Salute del Corriere della sera. Oggi scrive sulle riviste “Conflitti”, MIND, Uppa (rivista di pediatria), “Psicologia Contemporanea” e tiene una propria rubrica periodica su Facebook “Gli anni della crescita”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X