facebook rss

«Se non lasci tuo marito
gli faccio sapere che eravamo amanti»
Scatta la denuncia per stalking

ANCONA - Divieto di avvicinamento per un infermiere nei confronti dell'ex amante. Secondo l'accusa ha iniziato a perseguitare la donna dopo la fine della loro relazione extraconiugale. Entrambi lavorano in un ospedale nell'Anconetano, lei vive con la famiglia nel Maceratese
giovedì 11 Aprile 2019 - Ore 15:11
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Perseguita l’ex amante e la minaccia di svelare al marito la relazione clandestina avuta con lei: infermiere denunciato per stalking. L’uomo, 40 anni,  è stato raggiunto nelle ultime ore dalla misura cautelare di divieto di avvicinamento alla donna. L’attività investigativa della Squadra Mobile dorica è stata coordinata dalla procura di Macerata, in quanto gli atti persecutori denunciati dalla donna sono stati compiuti in provincia di Macerata, dove vive con il marito. La donna e il suo ex amante sono colleghi, lavorano in una struttura ospedaliera dell’Anconetano e in passato hanno avuto una relazione extraconiugale. La tresca, scoperta dalla moglie di lui, aveva mandato all’aria il matrimonio dell’uomo che, rimasto senza famiglia, avrebbe cominciato a pretendere dalla sua amante di andare a vivere con lui, chiedendole insistentemente di lasciare il marito. Visto il rifiuto categorico da parte della donna che non aveva nessuna intenzione di abbandonare la famiglia, l’uomo avrebbe iniziato a perseguitarla. Era arrivato al punto di ricattarla, minacciando che avrebbe mostrato a suo marito le fotografie comprovanti la loro relazione extraconiugale. Finché la donna non ha deciso di rivolgersi alla polizia. Le indagini, concluse nelle ultime ore, sono culminate con il provvedimento cautelare firmato dal gip del tribunale di Macerata. La Squadra Mobile, durante la notifica all’uomo ha eseguito una perquisizione domiciliare, rinvenendo la documentazione oggetto dei ricatti. Oltre ai documenti, la polizia ha sequestrato numerosi apparati elettronici.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X