facebook rss

Blitz interforze al Donoma:
diversi ragazzi trovati con la droga
Nel locale più clienti del consentito

CIVITANOVA - In azione polizia, carabinieri e guardia di finanza che hanno operato fino all'alba. Sei persone sono state segnalate alla prefettura come assuntori e un giovane è stato denunciato perché trovato con cocaina nascosta in bocca. Il numero di avventori superava la capienza stabilita. I cani antidroga hanno trovato stupefacente gettato a terra davanti all'ingresso
domenica 14 Aprile 2019 - Ore 16:15
Print Friendly, PDF & Email

L’ingresso del Donoma (foto d’archivo)

 

Blitz nella notte della movida, operazione alla discoteca Donoma di Civitanova che è proseguita fino all’alba: trovati clienti con la droga e un numero di persone presenti che superava di gran lunga la capienza consentita. A operare carabinieri, polizia e guardia di finanza. I controlli sono stati disposti dal questore di Macerata, Antonio Pignataro e diretti al contrasto dello spaccio di droga. Altro punto svolgere verifiche per evitare fatti come quelli accaduti alla discoteca di Corinaldo. A operare la Squadra mobile e gli agenti del commissariato di Civitanova, i carabinieri, i militari del Nucleo ispettorato del lavoro e personale della Guardia di finanza. Il personale delle forze dell’ordine ha operato anche in borghese. In base ai controlli, è stata accertata la presenza di sei clienti che consumavano droga nel locale. Tutti sono stati segnalati alla prefettura come assuntori. In cinque casi avevano cocaina, in un caso hashish. Inoltre è stato denunciato un ragazzo che nascondeva in bocca tre dosi di cocaina (circa 2 grammi) e che ha cercato di disfarsene durante il controllo. Non è stato il solo a tentare di far sparire la droga quando militari e agenti sono entrati nel locale. Molte persone hanno cercato di liberarsi dello stupefacente andando nei bagni o gettandolo a terra. Fondamentale è stata la presenza di quattro cani antidroga che hanno trovato dosi di cocaina gettate a terra di fronte al locale. La polizia amministrativa, la guardia di finanza e il Nucleo ispettorato del lavoro hanno poi svolto un attento controllo amministrativo da cui sono emerse – fa sapere la questura – varie anomalie e irregolarità fiscali su cui sono in corso gli accertamenti. Altro aspetto: il numero degli avventori – secondo quanto accertato dalla questura – era di gran lunga superiore alla capienza consentita. Nel corso dei controlli è intervenuta più volte l’ambulanza per soccorrere varie persone in grave stato di ubriachezza.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X