facebook rss

Doppio schianto alla Madonnetta,
domiciliari per il 29enne ubriaco
La mamma ai feriti: «Scusate»

ANCONA - Ermanno Piasente aveva un tasso di alcol nel sangue pari a 3,04: quasi sei volte il limite consentito, quando ha provocato due incidenti alla guida di un Doblò. Si è avvalso della facoltà di non rispondere, il giudice ha convalidato l'arresto. In passato aveva già patteggiato per guida in stato di ebbrezza. Prognosi di 60 giorni per la bimba coinvolta, mentre la donna che era in auto con lei è stata sottoposta a un secondo intervento. La madre del ragazzo: «Non ho dormito tutta la notte pensando che fosse finita in ospedale una bambina. Ringrazio il Signore che sono tutti vivi, sono dei miracolati»
Print Friendly, PDF & Email

Piasente in tribunale scortato dalla municipale

 

di Federica Serfilippi

Arresto convalidato e domiciliari per Ermanno Piasente, la madre chiede scusa ai feriti. Il 29enne falconarese era stato arrestato ieri mattina alla Madonnetta di Ancona dopo aver provocato due incidenti: il primo contro l’ex parlamentare dem Emanuele Lodolini e i suoi genitori, il secondo contro una Toyota con a bordo una bimba, il padre e una donna, tutti e tre feriti. Lo ha stabilito questa mattina il giudice De Palma nell’udienza di convalida. Il 29enne aveva nel sangue un tasso di alcol di quasi sei volte il limite consentito, cioè 3,o4 grammi per litro. L’uomo era già finito sotto processo per guida in stato di ebbrezza. In quell’occasione aveva patteggiato la pena.  Dopo essere uscito dall’aula,  scortato dalla polizia municipale, è tornato all’ospedale di Torrette dove è ricoverato da ieri per le lesioni riportate all’altezza del costato. Una volta dimesso, andrà agli arresti domiciliari fino all’inizio del processo che si aprirà il 7 maggio. Davanti al giudice, oggi, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Tre le accuse: lesioni stradali gravissime (aggravate dalla guida in stato di ebbrezza e dal ferimento di più persone), fuga e resistenza a pubblico ufficiale. La bimba ferita, 9 anni, ha riportato 60 giorni di prognosi per delle sospette lesioni alle vertebre. Il padre ha subito la frattura del polso e verrà dimesso quest’oggi dall’ospedale. La donna nel posto passeggeri della Toyota ieri è stata operata alla mandibola. Oggi dovrà subire un altro intervento, questa volta per ridurre una frattura scomposta al polso.  In tribunale è venuta anche la mamma di Piasente. In lacrime, ha abbracciato il figlio quando è uscito dall’aula. «Non ho dormito tutta la notte pensando che fosse finita in ospedale una bambina – ha detto la donna -. Ringrazio il Signore che sono tutti vivi, sono dei miracolati. Ieri mattina immaginavo potesse accadere qualcosa, avevo visto Ermanno agitato. Lo aspettavo per pranzo, ma non l’ho visto arrivare. Così, ho preso l’auto e ho iniziato a girare per strada, arrivando fino a dove c’è stato il secondo incidente. Verso quella zona, Ermanno ha un piccolo orto che coltiva. Ho visto la polizia municipale, ma i mezzi non c’erano. Attorno alle 16 mi hanno avvisato che era in ospedale e sono corsa». La mamma del 29enne è andata dai familiari dei due adulti feriti. «Mi sembrava doveroso chiedere scusa. Una persona mi ha detto che io sono una vittima proprio come lo sono loro. Ora spero che Ermanno venga aiutato».

In mattinata, Lodolini è andato a Torrette a trovare la donna che ha subito le lesioni più gravi: «Mi sono sentito in dovere di farle visita perché entrambi siamo stati coinvolti in una vicenda che poteva finire molto peggio. Se luogo e ora fossero stati diversi, avrebbe potuto fare una strage. Quando le ho detto perché ero lì si è subito commossa». L’ex deputato Dem si è detto «dispiaciuto per non essere riuscito a fermare quel ragazzo, evidentemente alterato, così non si sarebbe verificato il secondo incidente e la signora, così come sua figlia ed il marito ora starebbero bene. Per fortuna, il reparto di Torrette in cui è ricoverata è ottimo, non poteva capitare in mani migliori».

(ultimo aggiornamento alle 17,30)

Polizia locale e Croce Gialla stamattina in via della Madonnetta

(servizio in aggiornamento)

Provoca due incidenti stradali, e fugge: l’automobilista arrestato era ubriaco

Incidente alla Madonnetta, coinvolto l’ex deputato Lodolini: «Quel ragazzo era alterato»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X