facebook rss

Proposta indecente a una minore:
«50 euro per fare sesso»
Anziano a processo

ANCONA - E' accusato di induzione alla prostituzione minorile un 80enne residente a Tolentino e rinviato questa mattina a giudizio dal tribunale dorico. La vittima, all'epoca dei fatti, aveva da poco compiuto 17 anni ed era la figlia della donna che assisteva l'imputato nelle faccende domestiche
giovedì 30 Maggio 2019 - Ore 16:49
Print Friendly, PDF & Email

Il tribunale di Ancona

 

«Se vieni a letto con me ti do 50 euro». Secondo l’accusa, è questo il tenore della proposta fatta da 80enne a una ragazzina di 17 anni. L’anziano, residente a Tolentino ma nativo del Fermano, questa mattina è stato rinviato a giudizio dal gup Francesca De Palma con l’accusa di induzione alla prostituzione minorile. Il reato è nella forma tentata, perchè l’atto sessuale non si era consumato. Il processo inizierà il 26 settembre al tribunale di Macerata. I fatti, inerenti ad agosto 2015, si erano svolti a Tolentino, a casa dell’anziano. L’udienza di questa mattina si è tenuta al palazzo di giustizia di Ancona solo perchè per quel tipo di reato contestato procede la procura distrettuale. La vittima, sostenuta dall’avvocato Stefano Nascimbeni, chiede un risarcimento danni del valore di 10mila euro. L’anziano, alle prese con diversi problemi di salute, è difeso dall’avvocato Giovanni Bonadies. I due si conoscevano perchè la mamma della minore frequentava casa dell’anziano, aiutandolo nella faccende di tutti i giorni.  Secondo l’accusa, in una sola occasione ci sarebbe stato un tentativo di avvicinamento alla ragazzina da parte dell’imputato. Sesso in cambio di 50 euro sarebbe stata la proposta. Ovviamente, non accettata dalla parte lesa. Era andata a denunciare tutto dalla madre che, a sua volta, aveva raccontato i fatti ai carabinieri. Il rapporto tra l’80enne e il genitore della ragazzina si sono interrotti dopo la confessione della giovane, ormai maggiorenne. L’imputato cercherà di smontare l’accusa a dibattimento.

(fe.ser)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X