facebook rss

Dal Ministero quasi 2 milioni di euro
per il restyling del tribunale

ANCONA - Approvato il progetto che porterà al rifacimento delle quattro facciate del palazzo di giustizia. I lavori, stando alla tabella di marcia, dovrebbero partire a fine anno e durare al massimo 14 mesi. Il presidente Spinosa: «Intervento importante, ma vorrei anche riaprire l'ingresso storico di corso Mazzini. Perchè accontentarci di una porta di servizio?»
Print Friendly, PDF & Email

La facciata del tribunale, lato corso Mazzini

 

C’è l’ok del Ministero della Giustizia: il tribunale potrà rifarsi il look, restaurando le parti ammalorate delle quattro facciate. L’investimento del dicastero del ministro Bonafede ammonta a 1 milione e 850 mila euro. L’inizio dei lavori è previsto per la fine dell’anno e, secondo la tabella di marcia, potranno durare un massimo di 14 mesi. Nelle prossime settimane, verrà indetto un bando per l’aggiudicazione dell’appalto per bonificare le parti decorative del palazzo che da tempo sono danneggiate e a rischio crolli. Il progetto, già in cantiere da almeno un anno, ha subito un’accelerazione lo scorso agosto, quando i vigili del fuoco sono dovuti intervenire all’esterno del tribunale per mettere in sicurezza alcuni elementi della facciata che dà sul piazzale di via Cardeto. In pratica, stando a quanto progettato dall’architetto David Gori (studio Arking), si interverrà  in maniera minuziosa, sostituendo le parti ammalorate e utilizzando gli stessi materiali: la pietra calcarea locale, il laterizio e il cemento armato. Ogni facciata costituirà una fase a se stante del cantiere che, con ogni probabilità, non inciderà sulla viabilità o sul mercato di corso Mazzini. Il progetto è stato fortemente voluto dal presidente del tribunale Giovanni Spinosa, ideatore anche della cerimonia che lo scorso 23 maggio ha portato all’intitolazione del palazzo e delle sue aule. Ma le novità potrebbero non essere finite. L’obiettivo del presidente «è restituire alla città l’ingresso storico di corso Mazzini per entrare in tribunale. Non ho capito il motivo per cui dobbiamo accontentarci di passare da una porta di servizio». 

(fe.ser)

Il tribunale perde i pezzi: calcinacci in strada

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X