facebook rss

Truffa del resto con banconota fantasma:
i ‘furbetti’ rincorsi
e bloccati dai carabinieri

SENIGALLIA - I tre si erano fatti dare in resto 50 euro senza aver consegnato soldi per una consumazione al bar di uno stabilimento. Poco dopo sono stati rintracciati sul lungomare ed è stata recuperata anche la somma di denaro indebitamente ricevuta. E' uno dei tanti interventi affrontati ieri dalle pattuglie della Compagnia di Senigallia
Print Friendly, PDF & Email

 

Con l’arrivo della bella stagione aumenta l’impegno per i Carabinieri che presidiano il territorio. Le 14 pattuglie disposte dalla Compagnia Carabinieri di Senigallia, comandata dal magguore Cleto Bucci, oltre ad assicurare la vigilanza del territorio al fine di prevenire e reprimere la commissione di reati predatori, in particolar modo dei furti in abitazione, e arginare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, sono state impegnate anche in questi giorni in numerosi interventi per garantire la sicurezza dei cittadini e la loro incolumità. Intorno alle 11 di ieri due pattuglie del Nucleo Radiomobile sono state impegnate per rilevare un incidente sulla strada provinciale Corinaldese all’altezza del civico 108 in direzione Senigallia, in cui erano rimasti coinvolti un 71enne in sella ad uno scooter Scarabeo ed un 85enne alla guida di una Volkswagen Bora. L’autovettura durante la manovra di sorpasso con lo specchietto ha toccato il ciclomotore facendolo sbandare e cadere. Fortunatamente entrambi i veicoli procedevano a velocità moderata. Ha avuto la peggio il 71enne che è stato soccorso con l’ambulanza e trasferito all’Ospedale di Senigallia, comunque non gravi le sue condizioni.

Alle 16:30 un’altra pattuglia è intervenuta ai Bagni 60 in Lungomare Alighieri, dove due persone straniere, che si erano allontanate in auto, dopo aver preso una consumazione avevano distratto la barista facendosi dare il resto di 50 euro senza consegnare la banconota. Ricevuta la descrizione dell’auto, i militari del Nucleo Radiomobile hanno eseguito una pronta battuta di ricerca sul lungomare riuscendo a raggiungerla. A bordo sono stati identificati tre serbi, tra cui i due “furbetti”, ed è stata recuperata anche la somma di denaro indebitamente ricevuta che è stata restituita all’esercente. Al momento il titolare dei bagni si è riservato di presentare denuncia. I due saranno comunque segnalati all’Autorità giudiziaria

Ieri sera verso le 20:30 due pattuglie della Stazione di Marzocca e del Nucleo Radiomobile sono dovute intervenire in Via Adriatica sud a Marzocca, in quanto al “112” era stata segnalata la presenza sulla statale di un uomo che parlava al telefonino urlando e che intralciava il traffico costringendo le auto a brusche frenate. I Carabinieri giunti sul posto hanno identificato un 42enne residente ad Ancona che era molto agitato. Dopo averlo condotta alla calma, l’uomo ha spiegato ai Carabinieri di essere arrivato a Marzocca con un amico che, dopo un litigio per futili motivi, lo aveva lasciato per strada e non sapeva come fare per ritornare ad Ancona. I Carabinieri sono riusciti a contattare il cognato del 42enne che dopo qualche minuto è arrivato sul posto prendendolo in consegna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X