facebook rss

Caccia, la Regione aggira sospensiva:
preapertura dal primo settembre

LA GIUNTA su proposta dell'assessore Pieroni, nonostante il Tar abbia accolto l'istanza cautelare degli ambientalisti, ha approvato una nuova delibera. «Nell'atto abbiamo rispettato tutte le condizioni dell'Ispra, non c'era più motivo dunque di sospendere tutte le giornate»
Print Friendly, PDF & Email

 

 

La Giunta regionale conferma la preapertura al primo settembre. La decisione arriva “aggirando” la sospensiva del Tar che proprio sul tema della preapertura ha accolto l’istanza cautelare presentata dalle associazioni ambientaliste, fissando l’udienza per la trattazione nel merito al 18 settembre. La Giunta per farlo, nel nuovo atto si è adeguata alle condizioni formulate dall’Ispra (L’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), togliendo per esempio la possibilità di cacciare la Tortora e  nel contempo ha ridotto le giornate di preapertura da sei a quattro (ora sono 1, 4, 8 e 11 settembre). 

La proposta è stata fatta dall’assessore Moreno Pieroni.  «Una decisione conforme al parere dell’Ispra e conseguente all’ordinanza del Tar che aveva sospeso il provvedimento – dice Pieroni – Il Tar infatti aveva posto tre le motivazioni proprio il mancato adeguamento ai pareri dell’Ispra, che ora in questo nuova delibera vengono totalmente rispettati. Per questo ci è sembrato giusto non sospendere del tutto la preapertura, rispettosa di una tradizione storica dell’attività venatoria marchigiana. Il percorso fa seguito ai risultati ottenuti anche in materia di utilizzo delle munizioni con piombo nelle zone Rete Natura 2000». Dal primo settembre quindi via libera alla caccia al colombaccio, cornacchia grigia, ghiandaia, gazza, che si aggiungono allo storno, piccione e tortora dal collare (specie in deroga già autorizzate in precedenza).  La delibera approvata dalla Giunta regionale consente, inoltre, l’addestramento e l’allenamento dei cani anche nelle giornate del 7 e 12 settembre, dalle 6 alle 18.

Caccia, il Tar sospende la preapertura

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X