facebook rss

La stagione della nuova Anconitana
inizia con il derby a Castelfidardo

COPPA ECCELLENZA - Domenica alle 16 al Mancini la prima uscita ufficiale della squadra guidata da mister Ciampelli, che si presenta ai nastri di partenza come quella da battere nel prossimo campionato
venerdì 30 Agosto 2019 - Ore 16:02
Print Friendly, PDF & Email

 

Davide Ciampelli

 

di Lorenzo Agostinelli

Esordio in coppa Italia per l’Anconitana, domenica allo stadio Mancini (ore 16) la sfida contro i padroni di casa del Castelfidardo. L’estate dei dorici è stata caratterizzata da una vera e propria rivoluzione, che ha visto la squadra cambiare quasi totalmente volto in vista del prossimo campionato di Eccellenza, nel quale l’obiettivo della società è chiaramente quello di primeggiare. Le novità più importanti sono, senza dubbio, gli addii di Salvatore Mastronunzio, attaccante più prolifico della storia biancorossa, e l’estremo difensore Gianclaudio Lori, approdato al Cannara in Umbria. Un altro cambiamento fondamentale è avvenuto in panchina dove a mister Nocera è subentrato Davide Ciampelli, ex Jesina con la quale ha ottenuto una importante salvezza in serie D lo scorso campionato. «Ho una grande cultura del lavoro e voglio una squadra che sappia rispecchiarmi», è proprio così che il mister si è presentato, con la società non è stata con le mani in mano ed ha costruito una rosa capace di esprimere le idee dell’allenatore.

Pierluigi Borghetti arriva dal Tolentino

Rispetto al cammino trionfale della scorsa stagione, esclusi i ragazzi delle giovanili aggregati alla prima squadra, solo sei le conferme. Oltre a Ezequiel Zaldua, che si è guadagnato la riconferma a suon di gol ed eccelse prestazioni, gli anconetani Matteo Bartoloni e Lorenzo Zagaglia, Ivan Visciano in mezzo al campo e Paolino Mercurio con Cristian Trombetta nella retroguardia. I volti nuovi sono diversi a partire dai portieri, con la scelta di puntare sugli Under visto l’acquisto del classe 2000 Andrea Battistini dal Santarcangelo e la presenza di Andrea Montuoso aggregato dalla Juniores. La difesa dorica è, invece, un mix di facce note e nuovi arrivi dato che, insieme ai confermatissimi Trombetta e Mercurio, è stato acquistato Pierluigi Borghetti, giocatore di esperienza che ha già vinto l’Eccellenza con Sambenedettese, Tolentino e Giulianova. A completare il reparto ci saranno poi Paolo Pierdomenico, Lucio Micucci e Mattia Terranova. In mezzo al campo la qualità e la quantità non mancano, nonostante l’addio per motivi famigliari di Stefano Costantino: il metronomo della nuova Anconitana sarà Pablo Nicolas Bruna con i vari Ivan Visciano, Lorenzo Zagaglia, Luca Magnarelli, Alexander Baciu a completare un reparto che si prospetta tra i più completi della categoria.

Alex Ambrosini

L’attacco orfano della vipera Mastronunzio, re dei bomber biancorossi con 109 gol in 5 stagioni, sarà affidato ad Alex Ambrosini: dopo la parentesi di 7 anni fa in biancorosso l’attaccante fanese ha segnato valanghe di gol tra Fano, Imolese e Forlì. Per completare il reparto ci saranno poi Ezequiel Zaldua, autore di 20 gol lo scorso campionato, Mohamed Mansour, Tommaso Bartoloni, Alessandro Cameruccio, Esteban Giambuzzi ed il classe 2001 Thomas Marzioni. I presupposti per una rincorsa alla serie D ci sono tutti e mister Ciampelli, in questi test estivi, ha lavorato sulla squadra in modo da fargli recepire le proprie idee. I test estivi sono ormai passati e, nonostante l’ultimo 3 a 1 subìto contro il Matelica in amichevole, l’organico sembra amalgamato più che bene e pronto per iniziare al meglio la stagione. Adesso iniziano quindi i primi impegni ufficiali, ora sta all’Anconitana dimostrare che la rivoluzione estiva è stata funzionale all’obiettivo.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X