facebook rss

Reperti archeologici e pavimento
in vetro: si lavora per riaprire ‘le logge’

OSIMO - Sotto il loggiato comunale si stanno montando le lastre trasparenti che permetteranno di ammirare i resti medievali riaffiorati tre anni fa durante l'intervento di riqualificazione della pavimentazione. Per la festa di San Giuseppe da Copertino l'opera sarà terminata
lunedì 9 Settembre 2019 - Ore 17:12
Print Friendly, PDF & Email

La pavimentazione in vetro del loggiato comunale che si sta montando per permettere di ammirare i reperti archeologici

 

«Ne è passato di tempo, chiedo scusa, non a causa nostra, ma ci siamo. Per San Giuseppe si lavora per aprire di nuovo le “logge” con un pezzo di storia osimana da raccontare ben in evidenza». Ad annunciare l’arrivo del vetroper la pavimentazione  e a fare il punto  sullo stato dei lavori sotto al loggiato di palazzo comunale è il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni. Dopo uno stop di mesi, il cantiere è ripartito e prima dei festeggiamenti patronali (18 settembre), l’intervento dovrebbe esere concluso. Grazie alle lastre di vetro si potranno ammirare i reperti archeologici di epoca medievale riaffiorati ormai 3 anni fa duranti le fasi  di riqualificazione della pavimentazione del loggiato. Se la tempistica non sarà rispettata, la ditta incaricata di eseguirli pagherà  una penale, l’escussione della polizza fideiussoria versata a garanzia dell’opera.

L’antico tesoro ritrovato nelle viscere del loggiato di piazza Boccolino, nascosto a soli 1,5 m dal livello dei sampietrini, è rappresentato innanzitutto dal busto della statua dell’imperatrice romana Plotina riutilizzato come basamento di una acquasantiera nella chiesa romanica del VI-VII secolo d.C,. Poi sono riemersi dagli scavi frammenti di maioliche seicentesche, un intonaco con dipinti floreali rinascimentali, oltre agli elementi portanti del porticato più antico di palazzo comunale, alle grandi arcate sotto la torre civica, e poi alle pareti della Chiesa dei Morti innestate su una stratigrafia complessa di opere murarie che raccontano la Osimo medievale e forniscono anche indicazioni sulla città romana. La statua di Plotina, al termine dei lavori, sarà sistemata in un locale-vetrina (quello dell’ex edicola dei giornali) sotto il loggiato dove è stata trovata.

Pavimentazione del loggiato comunale e reperti archeologici: ripartiti i lavori

La statua dell’imperatrice Plotina esposta al museo archeologico

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X