facebook rss

Morto dopo l’intervento alla tiroide:
dieci indagati
Fissata l’autopsia

ANCONA - Domani l'accertamento sul corpo di Maycons Caso Cueva, il 33enne peruviano morto il 29 agosto dopo una settimana passata in Rianimazione. Il fascicolo è stato aperto per omicidio colposo dopo l'esposto presentato dalla famiglia della vittima
Print Friendly, PDF & Email

Maycons Caso Cueva

 

Trentatreenne morto dopo l’intervento di asportazione della tiroide: sono dieci gli indagati dell’ospedale di Torrette. L’ipotesi di reato è concorso in omicidio colposo. Il fascicolo sulla morte di Maycons Caso Cueva, avvenuta lo scorso 29 agosto nel reparto di Rianimazione, è stato aperto dopo l’esposto  presentato dai familiari, assistiti dall’avvocato Marco Polita. Domani si svolgerà l’esame autoptico chiesto dalla procura. Ad eseguirlo sarà il medico legale Antonio Tombolini. I genitori della vittima, invece, hanno richiesto come consulente di parte il dottor Marcello Comai. Il personale medico raggiunto dall’avviso di garanzia è assistito dallo studio legale Scaloni. Il 33enne peruviano era entrato in ospedale il 22 agosto per sottoporsi all’asportazione della tiroide. Apparentemente, l’operazione era filata liscia. Uscito dalla sala operatoria, Maycons era stato portato subito in Rianimazione. Il 23 agosto è andato in coma dopo aver avuto dei gravi problemi respiratori e una presunta emorragia scatenatasi al livello della gola. E’ rimasto in coma fino al 29 agosto, quando i medici ne hanno accertato la morte.

Operato alla tiroide, muore dopo una settimana di agonia Esposto in procura

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X