facebook rss

Incendio divora due cassonetti
a San Paterniano:
i pompieri avvertono i carabinieri

OSIMO - Oggi pomeriggio il rogo forse di natura dolosa ha danneggiato anche il tubo dell'acqua di un'abitazione privata. Stamattina i vigili del fuoco hanno fatto spegnere una brace con fiamme troppo alte accese sul barbecue al parco Verde Energia
domenica 13 Ottobre 2019 - Ore 20:12
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Cassonetti in fiamme in via Ilaria Alpi a San Paterniano: c’è il sospetto del dolo ed i vigili del fuoco avvertono i carabinieri. Le fiamme, divampate all’inizio su un contenitore bianco Astea della carta sistemato in via Ilaria Alpi (traversa di via Chiaravallese) sono state spente oggi pomeriggio verso le 16 dai pompieri del distaccamento di San Sabino dopo l’allarme lanciato da una pattuglia di passagio della Polizia locale che aveva notato il fumo. Un episodio di natura sospetta, di natura colposa se non dolosa, probabilmente firmato da qualcuno che si è divertito a gettare una cicca di sigaretta ancora accesa nel contenitore dei rifiuti. Il fuoco, oltre ad aver distrutto il cassonetto della carta, ha lambito e danneggiato per il calore anche il contenitore giallo della plastica che si trovava accanto e il tubo dell’acqua di un’abitazione privata. L’area non è video sorvegliata da telecamere pubbliche.

Il barbecue del parco Verde Energia

Stamattina invece i vigili del fuoco erano dovuti intervenire al parco Verde Energia dove una famiglia straniera dell’Europa dell’Est stava accendendo la brace per preparare un pranzo a base di grigliata sul barbeque in muratura. Il capo famiglia, però, ha posizionato troppa legna e dopo l’accensione le fiamme hanno raggiunto l’altezza di oltre un metro. Alcuni passanti che camminavano lungo lo stradone di Campocavallo, allarmati da quella pira, hanno chiesto aiuto al 115 temendo che qualche scintilla potesse attecchire sugli alberi circostanti. Una squadra di pompieri si è recata subito sul posto e ha invitato il gruppetto a spegnere subito il fuoco.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X