facebook rss

Nasconde 200 pasticche di ecstasy
nell’olio motore delle lattine
e le carica in auto: arrestato 23enne

ANCONA - Ieri pomeriggio il giovane, in viaggio dalla provincia di Macerata, è stato fermato per un controllo in Via Montale dagli agenti delle Volanti. Con l'ausilio delle unità cinofile della Guardia di Finanza è stato ritrovato il carico destinato probabilmente al mercato locale per lo sballo del sabato sera
Print Friendly, PDF & Email

Le pasticche di ecstasy sequestrate dalla polizia

 

In viaggio dalla provincia di Macerata ad Ancona con un carico di 200 pasticche di ectasy, sigillate e immerse nell’olio motore per motocicli, riposte con le lattine dentro il portabagagli della vettura che guidava. Ma  l’automobilista  23enne spinge troppo sul pedale dell’acceleratore e viene intercettato proprio nel capoluogo di regione da una volante della Questura che lo ferma per un controllo. Dopo un’attenta ispezione della vettura, portata a termine con l’ausilio delle unità cinofile della Guardia di Finanza, salta fuori la droga, destinata probabilmente al mercato locale per lo sballo del sabato sera. Continuano i controlli della Polizia di Stato in tutto il capoluogo dorico. Come voluto dal Questore di Ancona Claudio Cracovia, decine di poliziotti della Questura e Commissariati hanno effettuato, unitamente alle unità cinofile antidroga ed agli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Umbria Marche di Perugia, mirati controlli in occasione del ponte di Ognissanti. Eccezionali, anche questa volta, i risultati ottenuti: oltre al giovane arrestat,  ci sono stati 185 persone e 86 veicoli controllati, 8 le sanzioni al Codice della Strada per alta velocità, uso del telefono cellulare durante la guida, cinture di sicurezza, mancate revisioni ed assicurazioni. Nel capoluogo dorico, gli agenti delle Volanti hanno arrestato un 23enne della provincia di Macerata, trovato in possesso di 200 pasticche di ectasy, la micidiale droga composta da metilenediossimetanfetamina (Mdma), dagli spiccati e devastanti effetti psichedelici.

Erano le 18 circa di ieri quando una pattuglia notava, in Via Montale, un’autovettura procedere in maniera sospetta che marciava a forte velocità. La “pantera” si è messa all’inseguimento del mezzo per scongiurare un pericolo per il conducente e gli altri automobilisti. Invitato ad accostare, l’uomo alla guida per nulla collaborativo si è subito mostra nervoso e scocciato per il fermo da parte della Polizia: «Perché mi avete fermato.. non ho fatto niente.. prendete la targa e lasciatemi andare» ha borbottato ai poliziotti che gli chiedevano i documenti. Troppo nervoso. L’esperienza, la professionalità e l’intuizione degli agenti, hanno consigliato loro un approfondimento del controllo considerato che il soggetto aveva a suo carico precedenti per droga. Da una prima ispezione dell’auto non è emerso nulla di anomalo. Tutto sembrava troppo in ordine e gli agenti delle volanti richiedevano l’ausilio delle specializzate unità cinofile della Guardia di Finanza di Ancona. Si è proceduto ad un’accurata perquisizione e mentre gli agenti a quattro zampe della Finanza continuavano a fiutare l’abitacolo, l’attenzione dei poliziotti è stata attirata dalla presenza di due lattine di olio motore per motociclo, riposte dentro il portabagagli. Strana presenza di olio per moto a due tempi su una autovettura a quattro tempi.

L’exstatsy nascosta dal 23enne nelle lattine dell’olio motore

Il sospetto è aumentato quando anche i cani hanno puntato uno dei due contenitori che, aperto, ha mostrato il reale contenuto. Infatti, una volta tolto il liquido oleosi, gli agenti hanno scovato alcuni involucri contenenti extasy. Il giovane aveva escogitato questo stratagemma nella convinzione che l’odore forte ed acre dell’olio potesse eludere qualsiasi controllo, ma non aveva fatto i conti con la perspicacia dei poliziotti e dei finanzieri. Una volta svuotato tutto il liquido, i poliziotti hanno estratto le confezioni sottovuoto abilmente occultate contando ben 200 pasticche pronte ad essere smerciate sulla piazza anconetana. Visto l’ingente sequestro si è deciso di estendere la perquisizione nell’abitazione del giovane. Qui, i poliziotti ed i militari hanno rinvenuto il materiale per il confezionamento della droga, 500 euro circa, un bilancino di precisione e carte post pay verosimilmente utilizzate per riscuotere il denaro dello spaccio. Per il 23enne si sono aperte le porte del Carcere di Montacuto.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X