facebook rss

Ragazze spiate in bagno durante la festa,
il video diventa virale: scatta l’inchiesta

INDAGINE - Un ragazzo segnalato all'autorità giudiziaria, la polizia postale a caccia dei complici. Con un cellulare avevano filmato le amiche mentre erano alla toilette, le immagini sono finite sulle chat Whatsapp. L'episodio durante un 18esimo compleanno. Tra le ipotesi di reato di cui potrebbero rispondere gli autori anche la diffusione di materiale pedo-pornografico
Print Friendly, PDF & Email

 

Uno smartphone puntato sul bagno delle donne, le loro amiche riprese, il video che diventa ben presto virale. E’ quanto accaduto a una festa di 18enni a Macerata, qualche mese fa. Le ragazze, alcune maggiorenni altre no, che loro malgrado sono state riprese mentre usavano la toilette si sono rivolte ai genitori ed è scattata l’indagine della polizia postale. Al momento uno dei ragazzi, autori del gesto, sarebbe stato identificato e denunciato. Ora si cercano i complici. Tutto sarebbe avvenuto in una casa dove si stava festeggiando il compleanno. Qualcuno dei partecipanti ha pensato bene di piazzarsi con un cellulare sulla finestrella che dava nel bagno delle donne, così da poter riprendere le proprie amiche con foto e video. A festa finita poi quelle immagini hanno iniziato in pochissimo tempo a girare sulle chat Whatsapp. Ed è scoppiato il caso. Quando le dirette interessate se ne sono accorte, infatti, hanno subito raccontato tutto ai propri genitori. Così è scattata la denuncia alla polizia postale e la relativa indagine per capire chi avesse usato il telefono e chi diffuso video e immagini. Al momento solo un giovane dunque risulta segnalato all’autorità giudiziaria. Rischia di dover rispondere oltre che di violazione della privacy, anche di diffusione di materiale pedo-pornografico, qualora venisse accertato che nelle immagini c’erano delle ragazze minorenni. Ma rischia di dover rispondere dello stesso reato anche chi ha ricevuto quelle immagini e le ha conservate nel cellulare, senza cancellarle.

</

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X