facebook rss

Vigili accusati di assenteismo,
tutti assolti gli imputati

ANCONA - Cadute le contestazioni per il tenente Mauro Mancini, l’agente scelto Alessandro Tesei e il capitano Daniele Mentrasti. Per quest'ultimo il pm aveva chiesto l'assoluzione, per i primi due la condanna a un anno e quattro mesi di reclusione
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Presunti casi di assenteismo all’interno della Municipale, tutti assolti gli agenti finiti sotto processo. L’assoluzione «perchè il fatto non sussiste» è arrivata questo pomeriggio per il tenente Mauro Mancini, l’agente scelto Alessandro Tesei e il capitano Daniele Mentrasti. Per i primi due, il pm Paolo Gubinelli aveva chiesto una condanna a un anno e quattro mesi di reclusione. Per l’ultimo l’assoluzione. Erano tutti e tre presenti alla lettura del dispositivo scritto dal giudice Carlo Masini. Tesei è l’unico agente attualmente in servizio. Mancini e Mentrasti sono in pensione. Il Comune si era costituto parte civile e chiedeva un risarcimento di 60mila euro. Tre le accuse che pendevano sugli agenti: truffa, falso e violazione della cosiddetta Legge Brunetta. In sostanza, la procura contestava la falsa attestazione del servizio attraverso lo scambio dei badge nel corso del 2014. L’inchiesta, portata avanti dalla polizia giudiziaria della Municipale, era stata condotta attraverso rilevazioni tecniche, come spycam e intercettazioni telefoniche. Le contestazioni sono sempre state respinte dagli imputati. Oggi pomeriggio, la parola fine a un procedimento iniziato cinque anni fa. Gli avvocati Paolo Campanati e Marta Balestra rappresentavo il tenente Mancini: «Per lui e per la sua famiglia si tratta della fine di un incubo. Dal processo è emersa la verità: non era un assenteista». Soddisfatto anche Gianni Marasca, avvocato di Tesei: «Ha vissuto questi ultimi cinque anni con grande ansia. L’assoluzione lo riabilita dal punto di vista lavorativo e morale». A commentare la sentenza anche Roberto Regni, difensore di Mentrasti: «In 42 anni di servizio si è sempre dedicato al lavoro con impegno e umiltà».

(Fe.ser)

(servizio aggiornato alle 18,54)

 

Assenteismo nella Municipale, la procura: «Un anno e quattro mesi ai furbetti del cartellino»

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X