facebook rss

Fallimento Mercatone Uno:
la merce non sarà consegnata,
a rischio gli acconti versati

DOCCIA FREDDA - Interessati ventimila consumatori, 4,5 milioni di euro il valore versato per cucine e arredamenti. In provincia aveva sede a Monsano
Print Friendly, PDF & Email

Il Mercatone Uno di Monsano

 

Brutte notizie per i clienti rimasti in attesa della merce ordinata nei negozi del Mercatone Uno, con punti vendita anche nella nostra regione. Il curatore fallimentare ha infatti comunicato a clienti e creditori che i prodotti già acquistati e pagati non verranno consegnati. «Comunico – ha scritto l’avvocato Angelo Russo – lo scioglimento dal contratto per l’acquisto dei beni mobili concluso con Shernon Holding srl (la società che controlla Mercatone Uno, ndr). La crisi di Shernon non ha consentito alla società poi fallita di approvvigionarsi regolarmente della merce necessaria per evadere gli ordini via via ricevuti». Per i clienti resta solo la possibilità di insinuarsi nel passivo della procedura di fallimento per recuperare le somme versate, anche se, in quanto creditori chirografari, rischiano di avere poca soddisfazione da eventuali rimborsi. Dipendenti e fornitori hanno la precedenza mentre i clienti sono “non garantiti”. In totale è di circa 4,5 milioni di euro il valore degli acconti verdati per cucine e arredamenti. Ora che il curatore ha sciolto i contratti pendenti si sa in modo ufficiale che non verranno mai consegnati. Una doccia gelata per circa 20mila famiglie, che subiscono così una grave perdita economica. Secondo Federconsumatori «l’azienda del gruppo Shernon Holding ha effettuato le operazioni di vendita pur essendo pienamente consapevole dell’effettiva impossibilità di rispettare gli obblighi contrattuali, mettendo in atto una vera e propria azione truffaldina a danno degli utenti.  E’ urgente che il Governo si muova per assicurare il giusto ristoro economico ai cittadini coinvolti, anche perché si tratta nella maggior parte dei casi di famiglie non facoltose – dichiara Emilio Viafora, presidente Federconsumatori. Considerando la gravità dei fatti, abbiamo chiesto un incontro urgente al ministro dell’Economia Gualtieri e al Ministro dello Sviluppo Economico Patuanelli per discutere degli strumenti idonei ad affrontare la situazione e a tutelare i diritti delle famiglie». Nel Maceratese la Mercatone Uno aveva sede a Civitanova, nell’Anconatano a Monsano. Anche in provincia tanti clienti da un giorno all’altro si erano trovati ad aver versato acconti e pagato per merce che poi non è stata consegnata.

«Comprati mobili da Mercatone Uno ma non sono stati consegnati»

 

Crac Mercatone Uno «Ecco come farvi rimborsare»

</

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X