facebook rss

Loreto accende
gli alberi di Natale della Pace

DOPPIA FESTA nel tardo pomeriggio di ieri. La prima in piazza Leopardi per illuminare l'abete regalato dalla città gemellata di Andalo e poi quella in piazza della Madonna per l'albero dedicato all’Anno Giubilare - VIDEO
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Nella città mariana si è proceduto ad una duplice accensione, quella dell’abete tradizionale donato dal Comune di Andalo e quella della struttura dedicata all’Anno Giubilare, non una vera e propria pianta ma una cascata di luci di alto valore tecnologico. «Gli alberi di Natale rappresentano la luce con cui vorremmo poter illuminare idealmente la città e il territorio anche nei prossimi mesi, ci aspetta infatti un anno speciale che, grazie all’avvio del Giubileo lauretano, ci porta a lanciare un nuovo messaggio di pace in tutto il mondo», l’assessore al Turismo Fausto Pirchio ha accompagnato con parole che guardano al futuro l’illuminazione dei due alberi natalizi avvenuta ieri, 7 dicembre. Di certo una festa che ha radunato la cittadinanza lauretana, le sue famiglie, i più piccoli, per un momento della tradizione che con gioia «ci fa guardare al domani».

Il primo albero ad essere illuminato è stato quello tradizionale, in piazza Leopardi, l’abete, alto 13 metri, donato dal Comune di Andalo, con cui Loreto è gemellata da anni, posto nella parte civica della città. All’incontro erano presenti anche monsignor Fabio Dal Cin che ha benedetto l’albero, il sindaco di Loreto Paolo Niccoletti che ha spiegato che «ci piace pensare che proprio la Madonna Loreto abbia protetto gli amici e la città di Andalo durante la tempesta dell’anno precedente», e lo stesso sindaco di Andalo Alberto Perli, che ringraziato la città mariana per il sostegno dato in quella occasione cosi difficile. Quindi é stata la volta dell’albero espressamente dedicato all’Anno Giubilare, in piazza della Madonna, non una pianta reale ma una cascata di luci di alto valore tecnologico, un centinaio di filamenti illuminati che partono dalla punta dell’albero per scenderne ai piedi, andando a ricordare la forma di un abete. A questa cerimonia erano presenti anche la presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto Fulvia Marchiani e il residente di Fondazione Opere Laiche Lauretane – Casa Hermes, Paolo Casali. Tra le due inaugurazioni ‘luminose’, la vista al Presepe di Caltagirone.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X