facebook rss

Blitz al porto, fermati tre tir:
sequestrati 185mila prodotti cinesi

ANCONA - Operazione di Guardia di finanza e Agenzia delle dogane, gli autoarticolati arrivavano dalla Grecia ed erano pieni di capi d'abbigliamento, accessori e scarpe realizzati in Oriente senza requisiti di sicurezza
Print Friendly, PDF & Email

I controlli a uno dei tir

 

Maxi retata al porto di Ancona: sequestrati oltre 185mila pezzi tra articoli di abbigliamento, scarpe e accessori. Due le operazioni messe in campo dalla Guardia di finanza e dall’Agenzia delle Dogane. Più di 155.000 tra articoli di abbigliamento e accessori sequestrati, quasi 16.000 paia di scarpe da donna e circa 15.000 zainetti per bambini raffiguranti la bambola “L.O.L. Surprise”.

Gli zainetti col marchio contraffatto

A finire nel mirino dei finanzieri e dei funzionari doganali sono stati, in giorni diversi, tre autoarticolati, provenienti dalla Grecia, che trasportavano capi di prodotti realizzati in Cina e destinati ad aziende sia nazionali che comunitarie. In particolare, i capi e accessori per l’abbigliamento (cinture, borse, maglie, costumi da bagno, copri spalle, sciarpe, pantaloni) e le scarpe erano sprovvisti dei requisiti di conformità e sicurezza stabiliti dalla normativa contenuta nel Codice del consumo, atti a fornire indicazioni all’acquirente finale circa la produzione, la provenienza, la filiera di importazione e commercializzazione e pertanto, potevano rivelarsi potenzialmente pericolosi per la salute degli acquirenti. Gli zainetti per bambini, invece, raffiguravano la bambola “L.O.L. Surprise”, senza possedere l’autorizzazione della società che ne detiene il diritto d’autore. Per questi motivi i rappresentanti legali delle società destinatarie acquirenti sono stati rispettivamente segnalati alla Camera di commercio di Roma e denunciati.

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page