facebook rss

Marche 2020, la Lega attacca Fdi:
«annuncio candidato unilaterale,
metodo inaccettabile»

POLITICA – I consiglieri regionali del Carroccio accusano l'alleato di aver scelto il nome di Francesco Acquaroli «senza alcuna discussione e condivisione. L'abbiamo appreso dalla stampa: non accettiamo fughe in avanti»
Print Friendly, PDF & Email

I consiglieri regionali della Lega

 

La fuga in avanti di Fratelli d’Italia sul candidato governatore del centrodestra, individuato nel deputato di Potenza Picena Francesco Acquaroli, ha infastidito non poco l’alleato con il maggior peso specifico nella coalizione, la Lega, e dopo l’intervento piccato del commissario per le Marche Paolo Arrigoni, arriva il j’accuse del gruppo consiliare del Carroccio.
«L’annuncio unilaterale è stato fatto senza alcuna discussione e condivisione all’interno della coalizione – scrivono in una nota i consiglieri regionali –. Infatti, così come i cittadini, abbiamo appreso dalla stampa il nome del candidato.
Non intendiamo porre veti su alcuno. Sul metodo, invece, abbiamo molto da dire ritenendolo inaccettabile. Noi vogliamo davvero vincere le elezioni e portare il cambiamento che i marchigiani si aspettano, affidandoci una grande fiducia e altrettanta responsabilità. La Lega è forza trainante, imprescindibile, di questo desiderio di cambiamento, come già ampiamente dimostrato dalle elezioni europee. Proprio per questo ribadiamo, ancora una volta, che non accettiamo e non accetteremo fughe in avanti sui nomi, ancor più se decise altrove e senza alcun coinvolgimento del territorio. Per noi prima di tutto vengono i marchigiani, poi le bandierine. Prima il ‘cosa’ fare, poi il ‘chi’, scegliendolo tra le personalità che meglio sono in grado di portare avanti un programma di effettivo rilancio e sviluppo della regione e capace di rappresentare i necessari equilibri politici. Non sono dettagli le scelte su cosa fare per uscire dal pantano, cosa proporre ai giovani che stanno andando altrove, cosa proporre per far funzionare la sanità, come uscire dall’emergenza terremoto e ridare dignità ai nostri fratelli colpiti dalla tragedia e presi in giro da Ceriscioli e dal Pd. I marchigiani – prosegue la nota – hanno bisogno di libertà, di idee e di cambiamento. Siamo certi che Matteo Salvini, insieme a Paolo Arrigoni, sapranno cogliere e rappresentare queste istanze e avviare un percorso virtuoso, con l’obiettivo di dare risposte concrete ai marchigiani e traghettare le Marche nel futuro».

FdI rivendica le Marche: «Sarà Francesco Acquaroli il candidato del centrodestra»

Marche 2020, Arrigoni (Lega): «L’annuncio della candidatura di Acquaroli? Uscita discutibile di Fratelli d’Italia»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X