facebook rss

Sequestri e lavori in A14, si ragiona
sulla riduzione del pedaggio

VIABILITA' - Se ne è parlato a Roma nell'incontro tra i vertici di "Autostrade per l’Italia" e il Ministero dei Trasporti. Al centro del tavolo, la necessità di ridurre i disagi per gli automobilisti durante i lavori di adeguamento delle barriere di protezione
Print Friendly, PDF & Email

Si è tenuto il 31 dicembre l’incontro chiesto dai vertici di “Autostrade per l’Italia” al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti allo scopo di ridurre l’impatto dei cantieri sulla viabilità, durante i lavori di riqualificazione delle barriere di sicurezza della A14, assicurando comunque le medesime condizioni di sicurezza per automobilisti e operai.

“Obiettivi che sono stati pienamente condivisi”, precisano i responsabili della società che gestisce la principale arteria nazionale. Ma nello stesso tempo Autostrade per l’Italia, come pure richiesto dal Mit, ha avviato la definizione di forme di agevolazione per i pendolari che percorrono le tratte interessate più delle altre dalla presenza di cantieri con il restringimento di carreggiata, resosi necessario prima per il sequestro dei viadotti, situati nel territorio fermano, di Petronilla, San Biagio e Campofilone, disposto dalla Procura della Repubblica di Avellino, e già teatro dei lavori di adeguamento, dopo che la stessa Procura ha tolto i sigilli.

L’impegno del gestore è anche quello di eseguire il più velocemente possibile tutte le fasi progettuali e di lavorazione, iniziate lo scorso 23 dicembre con le ispezioni.  Tra le varie proposte al Ministero anche quella di modificare temporaneamente l’impostazione degli schemi di cantiere, cosa che agevolerebbe sensibilmente la circolazione, nel periodo di sospensione dei lavori che intercorrerà tra il completamento dei progetti esecutivi e la loro approvazione.

 

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page