facebook rss

Contratto di Fiume: progetto
per piantumare le piste ciclabili

LORETO e Porto Recanati hanno presentato un progetto comune per la realizzazione delle infrastrutture verdi. «E' il primo risultato concreto» commenta l'assessore lauretano Pamela Flamini
Print Friendly, PDF & Email

La mappa del percorsi ciclabile che rientra nel progetto di contratto di fiume

Pamela Flamini, assessore del Comune di Loreto

 

I comuni di Loreto e Porto Recanati (capofila), hanno presentato in sinergia un progetto per la realizzazione di infrastrutture verdi. «Sono i primi concreti risultati del Contratto di Fiume Musone – spiega l’assessore lauretano Pamela Flamini – Il bando indetto dalla Regione Marche (Rete Ecologica Marchigiana), con fondi previsti dalla L.R. 51/2018, prevede il finanziamento fino ad un massimo di 120mila per progetti inerenti la biodiversità e la tutela del paesaggio. Nel concreto si prevede la piantumazione delle piste ciclabili esistenti, la ‘Fausto Coppi’ in zona Scossicci a Porto Recanati e il nuovo tratto da realizzare lungo il fiume Musone nel territorio di Loreto. Ricordiamo che la Ciclovia del Musone collegherà i Comuni della costa con l’entroterra, fino ad Apiro. Il tratto già realizzato parte da Porto Recanati e attraverso la ciclabile ‘Fausto Coppi’ in zona Scossicci, si dirige fino alla Stazione di Loreto».

Dalla Stazione di Loreto la ciclabile dovrà proseguire fino alla sorgente del Fiume Musone, toccando tutti i Comuni che fanno parte del Contratto di Fiume Musone. Di tutto questo tratto è già stato finanziato e partirà a breve il percorso da realizzare dalla Stazione di Loreto fino a Campocavallo, grazie ad un ulteriore finanziamento regionale. «Il progetto del Contratto di Fiume, partito ad aprile 2017, tra le prime azioni da realizzare ha previsto proprio il rafforzamento della rete ecologica marchigiana. Attraverso questo importante strumento di azione- chiude l’assessore – i Comuni ricominciano a progettare e a valutare le questioni in un’ottica d’insieme e non più singola. Gli obiettivi sono la progettazione, la lotta al rischio idrogeologico, il miglioramento della qualità delle acque e la riqualificazione del fiume Musone».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X