facebook rss

Pneumologia Interventistica,
specialisti in arrivo
da tutta Italia per il master

ANCONA - L’Università Politecnica delle Marche ha organizzato una nuova edizione del percorso didattico di secondo livello che si articolerà in 8 corsi integrati. La sessione inaugurale è prevista per lunedì prossimo
Print Friendly, PDF & Email

L’Università Politecnica delle Marche organizza per il 2020 la seconda edizione del Master di II Livello in Pneumologia Interventistica. L’inaugurazione è prevista per lunedì prossimo, 20 gennaio.

La Pneumologia Interventistica è un setto Master di II Livello in Pneumologia Interventisticare della Pneumologia che si avvale di metodiche invasive o semi-invasive (broncoscopia, toracoscopia) che sono divenute essenziali per la diagnosi e la terapia di molteplici patologie dell’apparate respiratorio, caratterizzate da un significativo e crescente impatto epidemiologico e sociosanitario, come le neoplasie polmonari, le malattie infiammatorie del polmone, la broncopneumopatia cronica ostruttiva, l’asma bronchiale e le pneumopatie infiltrative diffuse. Grazie ai progressi tecnologici degli ultimi decenni, le metodiche di Pneumologia Interventistica hanno assunto una complessità e grado di accuratezza estremamente elevati, avvalendosi di tecniche ancillari (quali l’ecografia endobronchiale, la navigazione elettromagnetica, le tecniche di crioablazione) che consentono di raggiungere, a fini diagnostici e terapeutici, ogni settore dell’albero tracheobronchiale, del polmone e degli organi toracici.

La facoltà di Medicina Univpm

In questo contesto, riferisce UnivPm, la Pneumologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria degli Ospedali Riuniti rappresenta uno dei principali centri di eccellenza riconosciuto a livello europeo, nel quale si svolge attività assistenziale, didattica e di ricerca da oltre 30 anni, utilizzando strumentazione tecnologica all’avanguardia. La richiesta di un’expertise in questo settore nel territorio italiano è notevolmente elevata in quanto la Pneumologia Interventistica necessita di un training specifico in un percorso didattico supplementare rispetto a quello comunemente espletato nella formazione specialistica pneumologica, richiedendo una perfetta integrazione di abilità manuale e conoscenze teoriche. Al fine di dare riscontro a questa esigenza formativa, la Pneumologia dell’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona ha già da molti anni organizzato numerosi Corsi teorico-pratici (oltre 80) a cui hanno partecipato più di 1000 Pneumologi provenienti da tutte le Regioni Italiane e da numerosi paesi esteri.

L’ospedale di Torrette (foto d’archivio)

A completamento di questa offerta formativa, l’Università Politecnica delle Marche ha organizzato quest’anno la seconda edizione di un Master in Pneumologia Interventistica della durata di un anno, coordinato dal Prof. Stefano Gasparini, con il supporto organizzativo dell’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO). La sessione inaugurale si svolgerà il 20 Gennaio 2020 alle ore 14 (Aula “C. Bolliger” Piano 0 – Pneumologia Interventistica AOU Ospedali Riuniti di Ancona) ed in tale occasione sarà indirizzato un saluto ai partecipanti da parte del magnifico rettore dell’Università Politecnica delle Marche, prof. Gian Luca Gregori, dal direttore generale dell’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona, Michele Caporossi e dai professori Marcello D’Errico e Adriano Tagliabracci, rispettivamente preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia e direttore del Dipartimento di Scienze Biomediche e Sanità Pubblica. Il Master si articolerà in 8 corsi integrati, organizzati in lezioni frontali, frequenza in sala endoscopica con esami live di procedure di Pneumologia Interventistica e attività pratica dei discenti su modelli di simulazione. L’attività didattica sarà svolta da docenti dell’Università Politecnica delle Marche e dai maggiori esperti italiani del settore. L’interesse suscitato da questa offerta didattica è testimoniato dall’elevato numero di specialisti pneumologi che si sono iscritti (è stato raggiunto il numero massimo previsto di 25 domande), provenienti da tutte le Regioni italiane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X