facebook rss

Tre idee per salvare l’ex Mutilatini

ANCONA - Il capogruppo del Pd, Michele Fanesi, ha proposto nuove idee da votare entro l'anno per far rivivere la struttura di Portonovo
Print Friendly, PDF & Email

 

L’ex Mutilatini, in stato di abbandono ormai da anni

Far rivivere la struttura dell’ex Mutilatini proponendo tre ipotesi, per sceglierne una da votare entro il 31 dicembre 2020, in tempo con l’uscita del nuovo bando, atteso per l’inizio del 2021.  E’ quanto spiegato durante il consiglio comunale dal capogruppo del Pd, Michele Fanesi.

Il capogruppo del Pd, Michele Fanesi

Il consigliere ha illustrato di voler «dare la possibilità, a chi gestisce già un business con il campeggio, di avere più tempo e fare in modo che l’imprenditore possa ristrutturare e allo stesso momento rientrare nell’investimento». Nello specifico l’idea è dunque di «concepire un bando più ampio rispetto a quello fatto negli ultimi anni – ha proseguito – e il Mutilatini in questo caso verrebbe messo a concessione. La proprietà resta dunque comunale, senza le limitazioni previste dal precedente bando dopodiché – ha detto – tra 25 o 30 anni torneremo proprietari ma con l’area riqualificata e senza le limitazioni previste dall’altro bando». In questo arco di tempo si vuole dare dunque all’imprenditore l’opportunità di rientrare nei costi e di guadagnare con la nuova struttura. Proporre nuovamente il vecchio bando rivedrebbe infatti la «concessione dell’immobile per un utilizzo legato all’ostello quindi – ha ribadito – una struttura economicamente accessibile a studenti, scuole e così via. Per sfruttare la riqualificazione dell’immobile inoltre si aspettavano anche bandi regionali. E’ poi emerso che, dal punto di vista di chi ha manifestato l’interesse per il Mutilatini senza partecipare alla gara, questo piano non reggeva economicamente per circa 300-400mila euro. Sostanzialmente – ha spiegato – si chiedeva quindi una compartecipazione all’investimento da parte del Comune che però non è, al momento, tra le sue priorità. Da ciò, la volontà di prolungare l’arco temporale di utilizzo, una volta ristrutturato». Infine, ecco la terza ipotesi che vedrebbe «l’alienazione del bene». Al momento, riproporre un bando come quello attuale «è però l’ipotesi meno sostenibile».

In marcia per salvare l’ex Mutilatini «Stanchi di essere presi in giro dalla sindaca» (Foto/Video)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X