facebook rss

Senigallia si candida
a Capitale Italiana del Libro

ANNUNCIO - Il sindaco Mangialardi: «Costruiremo il percorso coinvolgendo il nostro tessuto culturale»
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Mangialardi

 

L’approvazione in via definitiva da parte del Senato del disegno di legge per la promozione e il sostegno alla lettura apre grandi opportunità per Senigallia, che da anni non solo si contraddistingue per iniziative e progetti volti a sensibilizzare giovani e famiglie sull’importanza dei lettura grazie alla ricca offerta di servizi erogati dalla Biblioteca comunale Antonelliana, ma è anche sede del Festival “Ventimillarighesottoiari in Giallo”, divenuto ormai un appuntamento imperdibile per gli amanti del genere noir e capace di portare sulla Spiaggia di Velluto i più affermati autori della scena nazionale e non solo. Proprio per tale motivo il sindaco Maurizio Mangialardi ha già manifestato l’attenzione di candidare Senigallia a Capitale italiana del Libro, titolo che la nuova legge prevede ad assegnare annualmente alle varie città che presenteranno progetti ad hoc. «Senigallia – afferma il sindaco – si candida a pieno titolo per ottenere l’assegnazione di questo importante riconoscimento. La nostra città ha tutte le carte in regola per diventare Capitale italiana del Libro. In primo luogo per il nostro Festival del noir e del giallo civile, attraverso il quale abbiamo attivato anche una prestigiosa collaborazione con la Fondazione PordenoneLegge, e a cui si aggiunge la presenza in città del Festival Epicureo. Ma non solo, a Senigallia ha sede la Fondazione Rosellini per la Letteratura Popolare, partner del Comune in molte iniziative e istituzione che mette a disposizione uno sterminato materiale librario dei più diversi generi. C’è inoltre la Biblioteca comunale Antonelliana, spazio culturale di grande pregio architettonico, tanto da essere considerata una delle strutture bibliotecarie più belle d’Italia, ma soprattutto moderno luogo di studio per studenti e sede ideale per la presentazione di libri, senza dimenticare la vivace attività della sezione ragazzi, frequentata da tanti bambini e dai rispettivi genitori. L’obiettivo, ora, è coinvolgere il ricco tessuto culturale del territorio fatto di associazioni, librerie, biblioteche nella costruzione di questa candidatura».

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page