facebook rss

Jesi piange l’ex geometra comunale
Franco Romano Sabbatini

IL TECNICO si è spento oggi all'ospedale Carlo Urbani dove era ricoverato. Domani avrebbe compiuto 80 anni
Print Friendly, PDF & Email

Franco Romano Sabbatini

 

Si è spento oggi all’ospedale “Carlo Urbani” di Jesi dove era ricoverato da qualche giorno, l’ex geometra del Comune di Jesi Franco Romano Sabbatini, 79 anni. Da cinque mesi la malattia contro cui combatteva si era aggravata e oggi il professionista si è spento, alla vigilia del suo 80esimo compleanno. Originario di Monticchio Bagni, frazione di Rionero in Vulture, provincia di Potenza, era stato per molti anni geometra comunale. A lui si debbono molti dei progetti per la realizzazione dei quartieri cittadini come Colle Paradiso. Progetti e opere di urbanizzazione realizzati dalla ditta edile “Coedil” di cui era uno dei soci fondatori. Impegnato per la collettività, aveva rilevato la “Ses” di Monte Roberto, storica azienda di realizzazione di stampi per materie plastiche fallita nel gennaio 2013, dando il suo contributo a risollevare le sorti dei dipendenti che con quel procedimento fallimentare erano rimasti senza stipendio. La sua grande sensibilità e la voglia di fare per la comunità in cui operava, lo hanno portato a impegnarsi in diversi settori, da quello sportivo a quello sociale. E’ entrato a far parte del consiglio direttivo della Jesina Calcio nel 1976 fino al 1979, all’epoca in cui il club leoncello era guidato dal presidente Emilio Mencarelli. Non ha tralasciato la vita politica, partecipandovi come ex coordinatore cittadino di Forza Italia e nel sociale, è stato presidente dell’Anffas onlus di Jesi (l’Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e relazionale) e membro del consiglio nazionale. In tantissimi lo ricordano con commozione e profonda stima. I funerali saranno celebrati con ogni probabilità martedì pomeriggio nella chiesa di San Pietro Martire, la tumulazione nel cimitero comunale di Jesi.
tafre

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page