facebook rss

Inseguito dalla polizia, cade in scooter:
«La fuga? Non volevo essere multato»

ANCONA - Il giovane è stato raggiunto a Tavernelle dopo un tallonamento iniziato in via Grazie. Prendendo una strada sterrata, è rovinato a terra. Era scappato perchè il due ruote non aveva la targa
Print Friendly, PDF & Email

La polizia di Ancona in servizio di pattugliamento (foto d’archivio)

 

In sella al proprio scooter ha incrociato due Volanti e ha dato subito gas, dribblando pericolosamente diversi automobilisti che alle 15,30 di ieri si trovavano a percorrere via delle Grazie. Immediatamente è scattato l’inseguimento da parte dei poliziotti ma il giovane non ne voleva sapere di fermarsi e ha proseguito in direzione del cimitero. Qui, pur di far perdere le proprie tracce, ha imboccato una strada sterrata per poi perdere però l’equilibrio e finire a terra.  Raggiunto a piedi dagli agenti, è stato soccorso. Alla domanda del perchè della fuga, ha risposto: «Non avevo il targhino e non volevo prendere la multa» sono state le sue parole. Per il ragazzo, che ha riportato un lieve trauma al naso, a sono scattate le sanzioni per la fuga, punita sia da codice della strada che dalle norme penali visto il pericolo creato agli altri automobilisti, e la denuncia per resistenza a pubblico ufficiale. Sempre i poliziotti, intorno alle 16,45 di ieri, sono stati allertati da alcuni pazienti dell’ospedale regionale di Torrette per un uomo che si aggirava con fare sospetto all’interno del nosocomio. Gli uomini in servizio al Posto di Polizia dell’ospedale, dopo alcuni minuti dedicati alle sue ricerche, sono riusciti a individuare e identificare il 45enne, di origini campane, risultato avere precedenti penali proprio per reati contro il patrimonio. Accompagnato in questura, il questore gli ha notificato il foglio di via obbligatorio con obbligo di presentazione al luogo di residenza.
Successivamente, ancora i poliziotti delle Volanti, hanno anche denunciato per clandestinità due pakistani a seguito di una segnalazione da parte dei controllori della Conerobus che li avevano trovati a viaggiare sul mezzo pubblico senza biglietto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X