facebook rss

Malori in gita scolastica:
«Ipotesi Norovirus»

L'ESITO delle analisi svolte dall'azienda sanitaria trentina in merito alla scia di malesseri che hanno interessato alcuni studenti della scuola media Conero, ospiti di un albergo a Folgarida per la settimana bianca
Print Friendly, PDF & Email

Il rientro degli studenti delle Conero

 

Il Norovirus, agente infettivo che si propaga per contatto, è stato identificato dall’azienda sanitaria trentina come possibile causa dei malori gastrointestinali che due settimane fa si sono verificati in un albergo di Folgarida, dove erano ospiti per la settimana bianca gli studenti della scuola media Conero. A farlo sapere è stata, con una nota, la stessa azienda che ha analizzato i campioni prelevati durante i giorni in cui si sono verificati i malori. Ad essere colpiti, erano state una trentina di persone, tra minori e professori. Data la gravità della situazione, la preside Maria Costanza Petrini aveva deciso di sospendere la gita e tornare anzitempo ad Ancona.  «L’inchiesta epidemiologica e le indagini ambientali – fa sapere l’Azienda sanitaria – non hanno reso possibile definire con certezza se l’episodio epidemico sia stato causato da un microrganismo presente all’interno dell’albergo o se l’infezione è stata provocata da qualche ospite già contagiato all’arrivo nella struttura». I titolari dell’hotel hanno sospeso l’attività in autotutela per porre in essere tutte le azioni necessarie alla sanificazione dell’albergo. Sono in corso i controlli ambientali da parte dell’Apss per accertare l’avvenuta bonifica di ambienti, arredi e attrezzature per prevenire altre eventuali infezioni al momento della riapertura della struttura. In corso anche le indagini dei carabinieri del Nas. Il Norovirus è uno degli agenti più diffusi di gastroenteriti acute di origine non batterica. I sintomi sono febbre, crampi, dissenteria e vomito. Gli stessi che, per un massimo di 48 ore, avevano avvertito gli studenti in gita.

Malori in settimana bianca, gli studenti sono rientrati «Vogliamo sapere cosa è successo»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X