facebook rss

Coppia scippata del portafogli,
28enne circondato dalla folla
e bloccato da un finanziere fuori servizio

ANCONA - E' successo nel tardo pomeriggio di ieri in Corso Mazzini. Il sottoufficiale della Guardia di Finanza ha notato un assembramento di passanti vocianti e si è avvicinato per evitare che la situazione degenerasse in attesa dell'arrivo dei carabinieri che lo hanno denunciato per furto. Il giovane ha anche tentato di darsi fuoco ai capelli ed è stato accompagnato all'ospedale di Torrette
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Sparisce il portafogli dalla borsa di una donna che sta facendo acquisti in un negozio di abbigliamento con il marito.  La coppia si accorge di quello che è accaduto e insegue lo scippatore, un 28enne extracomunitario, in Corso Mazzini. I passanti lo additano e lo circondano mentre lui, agitato, lancia oggetti dal suo marsupio per dimostrare che non ha rubato niente. Un sottufficiale della Guardia di Finanza, fuori servizio e a passeggio con la moglie, nota la scena. Capisce che la situazione potrebbe degenerare e interviene per disperdere i curiosi, trattenendo il giovane insieme a due agenti della Polizia locale in attesa dell’arrivo dei carabinieri. E’ successo tutto in pochi minuti nel tardo pomeriggio di ieri, al centro di Ancona. Intorno alle 19.30, all’altezza del sottoportico di via degli Orefici che conduce alla Mensa di padre Guido, si è creato un assembramento di persone. Davanti a quell’anfiteatro di curiosi vocianti c’era un giovane, risultato poi di origini egiziane, che gesticolava e in un italiano stentato rigettava ogni addebito sul furto del portomonete mentre la coppia derubata gli chiedeva spiegazioni. Chi ha assistito alla scena racconta che il sottoufficiale delle Fiamme Gialle dopo essersi avvicinato avrebbe chiesto ai presenti di allontanarsi.

Per calmare gli animi in un contesto di tensione, avrebbe poi cercato di identificare e tranquillizzare il giovane straniero che sembrava in condizioni psicofisiche alterate e invitato le vittime del furto, una coppia anconetana di 60enni ad attendere l’arrivo dei militari. Nel frattempo il 28enne avrebbe anche cercato di appiccarsi il fuoco sui capelli. E’ stato pertanto necessario l’intervento del 118. Poco dopo un’ambulanza della Croce Gialla ha prelevato il 28enne per accompagnarlo al pronto soccorso dell’ospedale di Torrette. Sull’episodio indagano i carabinieri che dopo gli accertamenti e le verifiche sono riusciti a ricostruire quello che era accaduto ed hanno denunciato per furto il 28enne, con regolare permesso di soggiorno sul territorio nazionale ma già noto alle forze dell’ordine. Il portafogli sarebbe stato sfilato dalla borsa della donna mentre faceva acquisti in un noto negozio monomarca di abbigliamento e accessori  del centro, con doppio ingresso anche su corso Mazzini. Sarebbe stata la vittima stessa ad individuare il giovane e ad inseguirlo, come ha poi raccontato ai carabinieri del Norm.

(ultimo aggiornamento alle ore 13)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X