facebook rss

Covid-19, report sulla mortalità:
uomini più a rischio delle donne

LO STUDIO elaborato dall'Istituto superiore di sanità: il virus è letale nel 5,8% dei casi in Italia. L’età media dei pazienti deceduti è 80 anni, più alta di circa 15 anni rispetto ai positivi e le donne sono il 28,4%
Print Friendly, PDF & Email

 

Il grafico elaborato dall’Iss sul numero di decessi per fasce d’età

 

Coronavirus, il tasso di mortalità al momento in Italia è del 5,8%. L’età media dei pazienti deceduti e positivi a Covid-19 è 80 anni, più alta di circa 15 anni rispetto ai positivi e le donne sono il 28,4%. E’ quanto risulta dal secondo report (con cadenza bisettimanale) dell’Istituto superiore di sanità sulle caratteristiche dei pazienti affetti da Covid-19. Il focus è sulla letalità, intesa come numero dei morti sul totale dei malati. Leggi qui il report integrale. 

Graziano Onder

Sono due i pazienti deceduti Covid-19 positivi di età inferiore ai 40 anni. Si tratta di una persona di età di 39 anni, di sesso maschile, con pre-esistenti patologie psichiatriche, diabete e obesità, deceduta presso il proprio domicilio e di una persona di 39 anni, di sesso femminile, con pre-esistente patologie neoplastica deceduta in ospedale. Le donne decedute dopo aver contratto l’infezione hanno un’età più alta rispetto agli uomini (età mediane: donne 84.2 – uomini 80.3) e la letalità aumenta in maniera marcata dopo i 70 anni. «La letalità stratificata per fasce di età non è più alta di quella di altri Paesi – sottolinea Graziano Onder, direttore del dipartimento Malattie cardiovascolari, dismetaboliche e dell’invecchiamento dell’Iss – Scontiamo un’età media molto alta e una percentuale significativa della popolazione che ha più patologie, un fattore che aumenta il rischio di morte. Non a caso il numero medio di patologie osservate nei deceduti è di 2.7».

La tabella dell’Iss sulla percentuale di letalità per fasce d’età

 

La tabella che segue presenta le più comuni patologie croniche pre-esistenti (diagnosticate prima di contrarre l’infezione) nei pazienti deceduti. Questo dato è stato ottenuto in 268/1016 deceduti (26.4% del campione complessivo). Il numero medio di patologie osservate in questa popolazione è di 2.7 (mediana 2, Deviazione Standard 1.5). Complessivamente, 3 pazienti (1.1% del campione) presentavano 0 patologie, 70 (26.1%) presentavano 1 patologia, 69 presentavano 2 patologie (25.7%) e 126 (47.0%) presentavano 3 o più patologie.

 

Per quanto riguarda i sintomi più comunemente osservati prima del ricovero nei pazienti deceduti COVID-19 positivo, la tabella elaborata dall’Istituto superiore di sanità mostra come dispnea (difficoltà respiratorie) e febbre rappresentano i sintomi di più comune riscontro, meno comuni sono tosse, emottisi e diarrea. 

 

Negli uomini la letalità risulta più alta, il 7,2%, mentre nelle donne è del 4,1%. La differenza nel numero di casi segnalato per sesso aumenta progressivamente in favore di soggetti di sesso maschile fino alla fascia di età ≥70-79. Nella fascia di età ≥ 90 anni il numero di casi di sesso femminile supera quello dei casi di sesso maschile probabilmente per la struttura demografica della popolazione.

 

</

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X