facebook rss

Bilancio pluriennale della Provincia:
nei progetti c’è il bypass di Padiglione

ANCONA - L'opera finanziata con una parte degli oltre 30milioni di euro di investimenti in viabilità ed edilizia scolastica per il triennio 2020-2022. Il presidente Cerioni: «Nonostante il delicato periodo di emergenza, la Provincia di Ancona è in piena attività e ben presente sul territorio»
Print Friendly, PDF & Email

Il presidente Luigi Cerioni e il segretario generale Ernesto Barocci in videoconferenza con i consiglieri provinciali

 

 

Approvato all’unanimità il bilancio di previsione 2020/2022. Ieri, in videoconferenza, si è riunito il Consiglio Provinciale della Provincia di Ancona per l’approvazione in via definitiva del bilancio pluriennale, comprendente i programmi delle opere pubbliche ed il piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari. «Lo svolgimento del Consiglio Provinciale in videoconferenza rappresenta l’eccezionalità del momento di emergenza che stiamo vivendo in tutta Italia: la Provincia di Ancona è pienamente operativa e presente, si è subito attivata per garantire le proprie funzioni facendo proprie nuove modalità organizzative» ha sottolineato il presidente della Provincia di Ancona Luigi Cerioni prima dell’approvazione del bilancio di previsione 2020/2022.

Il Consiglio provinciale nella seduta di ieri, 16 Aprile, ha approvato all’unanimità il bilancio preventivo 2020/2022. Aspetto positivo del bilancio sono i nuovi investimenti in viabilità ed edilizia scolastica per 16.155.852 euro per il 2020, 7.176.307 euro per il 2021 e 8.303.288 euro per il 2022, finanziati con trasferimenti regionali e statali, alienazioni, avanzo vincolato e nuovi mutui per 4 milioni di euro, destinati questi ultimi all’edilizia scolastica. Ciò risponde ad una forte esigenza: sia di adeguamento e manutenzione della rete viaria provinciale, prevedendo anche interventi attesi da tempo, come quelli nella SP. 3-Valmusone (zona Squartabue e variante Padiglione di Osimo, tra via San Domenico e la Provinciale Valmusone), sia di miglioramento o adeguamento sismico o di manutenzione straordinaria di molte scuole superiori di competenza provinciale.

Gli interventi previsti per l’edilizia scolastica sono per la maggior parte rivolti a: miglioramento sismico di edifici scolastici conseguente alla verifica di vulnerabilità sismica; efficientamento energetico (sostituzione plafoniere con nuove lampade a led a basso consumo con implementazione di sistemi domotici che attivano l’accensione in funzione della presenza nei locali e dell’illuminazione naturale); interventi di manutenzione straordinaria per la conservazione e messa in sicurezza degli edifici. In sede di discussione di Bilancio è emersa la crisi epidemiologica che stiamo vivendo e che determinerà inevitabilmente una caduta delle entrate tributarie provinciali (Rcauto ed Imposta provinciale di Trascrizione presso il Pra), ad oggi difficilmente stimabile. Conseguentemente gli equilibri di bilancio dovranno essere costantemente monitorati e adeguati introducendo delle adeguate e inevitabili misure di contenimento della spesa.

Secondo stralcio del bypass di Padiglione, lavori al via entro l’anno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X