facebook rss

«Nessuna deroga per Palombina»,
resta la linea Maginot
tra Ancona e Falconara

IL CASO – La conferma arriva dall'assessore Stefano Foresi, che ha sottolineato come la spiaggia, nel suo versante dorico, resterà chiusa fino al 17 maggio e nei weekend successivi. «Confine grottesco», l'attacco del capogruppo Fdi Eliantonio
Print Friendly, PDF & Email

Il confine con il divieto di transito, tra la spiaggia di Falconara e quella di Ancona

 

di Martina Marinangeli

Il checkpoint vista mare resterà al suo posto e, almeno fino al 17 maggio, le spiagge di Ancona e Falconara saranno divise da un confine fatto di nastri e cartelli di divieto. «Nessuna deroga per Palombina», conferma perentorio l’assessore Stefano Foresi durante il Consiglio comunale telematico di oggi. C’è una linea Maginot a separare i due Comuni, divergenti sulle misure anti-Covid da adottare nei lidi: se infatti il capoluogo regionale ha blindato la sua costa fino al 18 maggio (e nei weekend successivi), la giunta Signorini si è mostrata più ben disposta ad allentare il lockdown, permettendo le passeggiate in riva al mare già dal 4 maggio. «Tracciare il confine sulla spiaggia tra Falconara ed Ancona era giusto e dovuto, dal momento che abbiamo fatto due scelte diverse – ne è convinto Foresi – . Ieri, ci sono stati due volontari per monitorare la situazione e devo dire che ha funzionato perché le persone, vedendo le indicazioni di divieto, tornavano indietro». Una situazione, quella dello strano caso di Palombina, definita «grottesca» dal capogruppo di Fratelli d’Italia, Angelo Eliantonio, che ha interrogato Foresi sull’organizzazione dei controlli da mettere in campo dal 18 maggio. «Come per i parchi – spiega l’assessore alla Sicurezza –, controlleremo le spiagge con i volontari, per essere sicuri che vengano garantite le distanze e che i comportamenti da seguire ora nei lidi siano rispettati». Restano per il momento chiusi i sottopassi per Palombina, sulla cui riapertura si ragionerà nei prossimi giorni. Inoltre, «ci sarà una collaborazione con la polizia municipale che controllerà la parte alta della rotatoria per quanto riguarda l’accesso a Portonovo, la pineta e gli ingressi alle grotte per il Passetto, ed i due sovrappassi a Palombina, dove c’è un rapporto importante anche con il comando dei carabinieri di Collemarino per l’attività di controllo». «Quegli indisciplinati dei cittadini di Ancona, su 6267 controlli sono stati puniti solo 76 volte – ironizza Eliantonio –: bisogna dare fiducia ai nostri concittadini. Segnalo inoltre che, dove le spiagge sono state riaperte, non si sono verificati problemi da nessuna parte: aprire tutti gli spazi di una città permette proprio quello che il sindaco definisce lo ‘sparnicciamento’».

La spiaggia divisa tra Ancona e Falconara diventa un ‘caso’ nazionale

Palombina, passeggio e selfie fino ai confini della spiaggia vietata (Foto/Video)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X