facebook rss

Il nuovo inizio del commercio:
«Ripresa lenta, ma che bello tornare
in negozio e vedere i clienti» (Foto)

VIAGGIO nei negozi di Ancona e Jesi per raccontare la ripartenza, tra emozioni, preoccupazioni e novità, come il private store di Bifani Pelletterie: «E' la possibilità di fare shopping privatamente in orario di chiusura per fare gli acquisti senza rischiare di incontrare altre persone. Un modo per rispettare anche quei clienti più timorosi»
Print Friendly, PDF & Email

Katia Coltorti

 

di Talita Frezzi e Federica Serfilippi (foto di Giusy Marinelli)

Da una parte la felicità di aver riaperto la serranda del negozio e aver rivisto i clienti, dall’altra la preoccupazione di una normalità che, probabilmente, non tornerà così presto. Entusiasmo smorzato da qualche comprensibile timore. Sono questi i sentimenti dei commercianti che hanno riaperto i battenti dopo oltre due mesi di chiusura. Sono soprattutto i negozi di abbigliamento le attività che più sono soggette, tra sanificazioni dei capi e dei camerini, alle prescrizioni imposte dai protocolli di sicurezza.  «Che gioia, ma anche che fatica – dice Katia Coltorti di K&S abbigliamento e accessori nella galleria del centro commerciale La Fornace di Jesi –. Abbiamo completamente svuotato il negozio e lo abbiamo sanificato da cima a piedi. Poi abbiamo riallestito tutto con le novità. Ripartiamo con entusiasmo, forti del nuovo sito che in questi giorni ci ha aiutato molto per lo shopping online e anche di una promozione di ripartenza, per ringraziare i clienti che ci sono sempre fedeli. Il negozio è piccolino, si entra uno alla volta muniti di mascherine e guanti, all’ingresso il nostro dispenser con il gel igienizzante. I capi provati e non acquistati sono igienizzati con la vaporetta a 100 gradi, gli accessori puliti con il gel igienizzante prima di essere rimessi in vetrina. Siamo felici del contatto ritrovato con le persone».

L’addetta alle vendite di “Motivi”

«Stiamo lavorando con orari necessariamente ridotti per consentire al personale di sanificare il negozio – dice Nicola Bifani, titolare di Bifani Pelletterie in corso Matteotti e di Motivi (Jesi) –. Per quanto riguarda le pelletterie, oltre ad aver igienizzato il nostro store, abbiamo messo a disposizione due nuovi servizi per i clienti: il personal shopper in videochiamata tramite whatsapp (già attivo da due settimane con ottimi riscontri, perché una nostra addetta proietta il cliente in un tour virtuale di scelta) e il “private store”, ovvero la possibilità di fare shopping privatamente in orario di chiusura per fare gli acquisti senza rischiare di incontrare altre persone e in tutta sicurezza. Un modo da parte nostra per rispettare anche quei clienti più timorosi». Da Motivi ugualmente si lavora con orario ridotto, necessità imposta dalla sanificazione del negozio, dei camerini e dei capi che vengono provati. «Sia quelli acquistati che quelli solo provati – specifica Bifani – vengono igienizzati a vapore e imbustati singolarmente. I clienti entrano con guanti e mascherine, ma sono molto rispettosi delle regole. Ci voleva questa ripartenza».

Tiziana Ciasca

«Siamo ancora in fase di rodaggio – dice Anna Maria Recchi del negozio di abbigliamento Paco’s di corso Mazzini, ad Ancona -. Si cerca di fare sempre il nostro meglio, ma non è semplice perchè al momento mi sembra che le persone abbiano pochi stimoli ad entrare nei negozi. Ma se non ripartivamo oggi, per noi commercianti sarebbe stata la morte. Riaprire il negozio è stato bello, ma dall’altra anche un po’ angosciante. Davanti a noi ci sono tante incognite». «La ripartenza è ovviamente molto lenta – afferma Tiziana Ciasca, dalla soglia del temporary store della Galleria Dorica di Ancona. Le persone ancora non sono serene e decise a comprare, ma aspettiamo e ce la mettiamo tutta. C’era bisogno di riaprire anche per ritrovare quella socialità che per forza di cose si era persa». Per Stefania Caselli, titolare dell’Hair Shop Stefani di corso Mazzini, ad Ancona, «la ripresa sarà difficile, ma piano piano torneremo a lavorare, di sicuro non come prima. Rivedere i clienti è stato emozionante, piacevole perchè dopo tanti anni s’è instaurato un rapporto di fiducia. Cosa hanno chiesto questa mattina? Shampoo e tinte per capelli». Dopo due mesi ha riaperto i battenti Foto De Angelis di corso Mazzini: «Ripartire – racconta Donatella Pivetti – è stata un bella sensazione perchè questo lavoro lo facciamo da anni e con passione. E vorremmo continuare a portarlo avanti se sarà possibile farlo. Abbiamo fiducia e ce la metteremo tutta. Certo, bisogna vedere la risposta delle persone. Ma già stamattina, molti clienti hanno aspettato l’apertura fuori dalla porta. Siamo qui per loro e per la dedizione che mettiamo nel nostro lavoro».

Stefania Caselli

Hair Shop Stefania

Paco’s

Bifani Pelletterie

Donatella Pivetti

 

Terranova

H & M

Riaprono le bancarelle del mercato: «Ancora poco movimento, (Foto/Video) ma è stato un giorno di speranza»

Negozi, ecco le regole per entrare Aperture fino alle 21 e obbligo della mascherina

 

D-day per parrucchieri ed estetiste: «Non vedevamo l’ora di ripartire, sembra il primo giorno di lavoro»

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X