facebook rss

Quasi finita l’odissea di Marco Raffaeli:
un volo di Stato lo riporterà in Italia

SENIGALLIA - Il 31enne rimasto ferito ad aprile in grave incidente stradale a Bali, domenica prossima atterrerà all’aeroporto di Falconara e poi sarà  trasferito all'ospedale di Torrette di Ancona
Print Friendly, PDF & Email

Marco Raffaeli

 

 

L’odissea di Marco Raffaeli sta per terminare: dopo l’incidente stradale a Bali e le cure ospedalieri, il 31enne di Senigallia domenica prossima, 24 maggio, si imbarcherà su un volo di Stato per rientrare in Italia. Il 21 aprile la famiglia Raffaeli di Marzocca di Senigallia è sprofondata in un abisso, dopo aver  ricevuto una telefonata che la informava che Marco Raffaeli aveva subito un grave incidente stradale in Indonesia : un camion, che non aveva rispettato lo stop, lo aveva investito causandogli gravissime lesioni  fisiche, tanto da essere ricoverato in coma all‘’ospedale di Bali , dove il giovane si era trasferito da tempo. Oltre alle preoccupazioni per le sue condizioni di salute, emergevano una serie di difficoltà relazionali rispetto alle Autorità locali a Bali, amplificate dalle norme di contenimento del coronavirus, che impediscono a chiunque di uscire dal Paese ed entrare in un altro Stato e vale anche per Bali. Marco nel frattempo ha subito degli interventi chirurgici per ricomporre alcune fratture riportate a causa dell’impatto, ma sin dai primi istanti è emersa la necessità di riportarlo in un ospedale italiano, per fornirgli le cure mediche del caso, anche in ottica riabilitativa, una volta uscito dal coma farmacologico in cui allo stato si trova. Il ricovero ospedaliero a Bali con le relative cure ed il trasporto aereo in Italia hanno richiesto e richiedono tante formalità da espletare ed ingenti risorse economiche, quest’ultime reperite anche grazie alla generosità degli amici che hanno dato vita ad una raccolta fondi sulla piattaforma Go fund me. In questo periodo la famiglia si è affidata all’avvocato Corrado Canafoglia,  il quale sta organizzato unitamente a Giandomenico Milano, capo dell”ufficio politico e della Cancelleria Consolare Italiana a Giacarta , il volo di Stato per far tornare Marco in Italia.

«Tanti i soggetti e gli enti coinvolti nell’operazione di rientro: l’Unità di crisi del Ministero degli esteri,  l’Ambasciata italiana a Giacarta, l’ospedale di Torrette di Ancona pronto a ricevere il giovane, l’equipe medica guidata del dr. Renzo Donzelli che assistera’ Marco durante il volo, l’Aeronautica Militare Italiana e la Prefettura di Ancona. – spiega in una nota la famiglia Raffaeli- Si è dovuto peraltro attendere che Marco fosse trasportabile e domenica. 24 maggio, una volta atterrato all’aeroporto di Falconara, verra’  trasferito presso l’Ospedale di Torrette di Ancona. Lo sforzo per far rientrare in Italia Marco è stato enorme, basti pensare alle tante polemiche apparse di recente sui media italiani rispetto al mancato rientro di alcuni nostri connazionali rimasti all’estero a causa del coronavirus, per comprendere le tante difficoltà incorse in quest’operazione di salvataggio, che richiedono il coinvolgimento di alcuni Paesi stranieri anche in ottica di rispetto delle norme anti contagio, ove il velivolo dell’Aeronautica Militare dovrà fare scalo per rifornimenti o soste tecniche». Nella vicenda di Marco la famiglia non può che essere soddisfatta «dell’operato del corpo diplomatico italiano a Giacarta ed una volta in Italia, inizierà a rendere pubblico un primo rendiconto delle tante spese sinora sostenute,  per un obbligo morale di trasparenza verso i tanti  amici  che hanno contribuito generosamente alla raccolta fondi. Incrociamo le dita, confidando che il nostro legale Corrado Canafoglia, ed il responsabile dell’ufficio consolare a Giacarta, Dr. Giandomenico Milano, riescano a definire gli ultimi dettagli  per il volo di Stato, superando le ultime criticità, e quindi riportino Marco in Italia domenica prossima».

Il sindaco Mangialardi: «Aiutiamo Marco a tornare a casa»

Un aperitivo ‘virtuale’ per Marco Raffaeli

Contro un camion in motorino a Bali, Marco è in terapia intensiva: possibile rimpatrio con equipe medica

Incidente a Bali: «Marco non rimarrà solo Il ministro Di Maio sta seguendo il caso»

In ospedale a Bali dopo un incidente: crowdfunding per aiutare Marco a curarsi e a rientrare a Senigallia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X