facebook rss

Il sindaco: «Riparte lo sport»,
Liste civiche: «Ma non per tutti»

OSIMO - Simone Pugnaloni annuncia il riavvio di campi e palestre con lo sconto del 50% dei canoni di affitto e la proroga di un anno delle concessioni in scadenza. Gilberta Giacchetti e Sandro Antonelli ribattono che lo stesso principio non vale per la piscina comunale, chiusa in attesa di scegliere il nuovo gestore
Print Friendly, PDF & Email

La spiscvina comunale di Osimo

 

 

Il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni annuncia la ripartenza delle attività sportive. Come assessore allo sport sta definendo le misure a sostegno del riavvio di tutte le attività delle societa’ sportive. «Prolungheremo di certo di un anno tutte le gestioni in scadenza, certo sara’ uno sconto sui canoni dovuti al Comune almeno pari ai mesi del lockdown ma tentiamo di arrivare al 50%. – annuncia – Alle societa’ che si allenano in luoghi privati in attesa che affrontino le spese per la dovuta sanificazione al vaglio la.possibilita’ per l’estate di dedicargli alcuni campetti all’aperto oggi ancora chiusi. A chi organizza i centri estivi massima disponibilita’ per accordare l’apertura, se possibile, anche in luoghi diversi dagli anni scorsi che siamo oggi di proprieta pubblica. Le societa’ si affrettino a presentare la domanda entro 8 giugno termine di scadenza del bando. Il Comune delibera’ celermente sull’autorizzazione». Pugnaloni ricorda inoltre che venerdì scorso il vicesindaco Paola Andreoni che ha organizzato un incontro con una delegazione delle famiglie dei 30 atleti disabili che sono stati costretti a non completare i corsi per la non riapertura della piscina comunale dopo il lockdown. La gara per l’assegnazione della nuova gestione è in stand by  (quella attuale è scaduta il 30 marzo) e proprio il sindaco ha fatto sapere che l’impianto natatorio non riaprirà prima di settembre.«A loro ho dato la mia parola sulla continuita’ del servizio in piscina e sugli istruttori avuti sino ad ora qualunque sara’ il futuro gestore. – aggiunge il sindaco di Osimo – La piscina riaprira’ a settembre ed i genitori su questo concordano, possono aspettare. L’estate servira’ a conoscere l’esito del bando e quindi il nuovo gestore ed ad effettuare interventi di manutenzione straordinaria alla struttura».

«Lancia una serie di notizie il Sindaco di Osimo, sicuramente positive per lo sport anche se non per tutte le discipline» replicano però Gilberta Giacchetti e Sandro Antonelli (Liste civiche).«In linea con quanto avevamo già da giorni proposto, il sindaco promette una proroga di un anno nella gestione degli impianti sportivi, dato il periodo Covid-19. Si tratta di un primo aiuto che, tuttavia non vale per tutti. Infatti tutti sanno ormai che la piscina sarà l’ unico impianto che aprirà solo a settembre e con un nuovo gestore Se il criterio è la proroga della gestione degli impianti sportivi, perché per la piscina no? Per la piscina, addirittura era stato fatto un bando in febbraio per l’ affidamento della gestione». L’ex assessore e l’attuale consigliere comunale dei movimenti civici ricordano che «l’ attuale gestore il cui contratto è terminato in aprile ha riconsegnato le chiavi dell’ impianto su indicazione del Comune che, sfacciatamente decide di non prorogare la gestione di un anno, solo per la piscina Niente attività in piscina per gli atleti, per il numeroso gruppo di ragazzi diversamente abili o per tutti coloro che avevano effettuato l’ abbonamento. Siamo ben lontani dalla sportività, siamo come al solito, grazie al Sindaco, di fronte a scelte per “figli e figliastri”, con palese disuguaglianze».

«Riaprire la piscina comunale per i ragazzi speciali»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X