facebook rss

Omicidio dell’ex carabiniere:
sequestrata una moto e due caschi
Perquisita un’abitazione

DELITTO CIANFRONE - Continuano le indagini degli inquirenti: blitz nell'appartamento di una famiglia di Spinetoli, interrogati padre, madre e figlio
Print Friendly, PDF & Email

La Scientifica sul luogo dell’agguato

 

E’ a Spinetoli che si stanno concentrando le indagini sulla morte del maresciallo dei Carabinieri Antonio Cianfrone? Qual è il nesso tra il brutale assassinio, avvenuto la mattina di mercoledì 3 giugno sulla pista ciclabile, ed una famiglia che abita in via Molino, contrada San Pio X, a 300 metri dal luogo del delitto?

Antonio Cianfrone

Una moto ieri è stata sequestrata dai carabinieri a Pagliare. E’ stata caricata su un carro attrezzi, gesto che non è passato inosservato, come tutti quelli che si sono susseguiti nell’arco della serata, anche perché sono stati diversi i militari ad entrare in azione. Mentre i carabinieri stanno passando al setaccio le videocamere di sorveglianza dell’A14 e delle aree di servizio (in particolare quelle posizionate in direzione sud), luogo ideale – si pensa – per la fuga dei killer che hanno freddato l’ex vice comandante della stazione dell’Arma di Monsampolo, è stata la videocamera di un’abitazione privata di Pagliare, limitrofa alla pista ciclabile, a restituire le immagini e il rombo della moto utilizzata per la fuga?

La spiegazione ufficiale dei carabinieri è stata: era solo una moto priva di assicurazione che abbiamo sequestrato. Sarà vero? Oppure è solo un modo per tenere a bada la curiosità popolare, inevitabile in un caso così clamoroso? Ma andiamo con ordine. Davanti agli occhi dei cittadini, in piazza Kennedy, a Pagliare, i carabinieri hanno prima perquisito una Bmw, appartenente ad un 20enne del posto, figlio di un operaio del Comune di Spinetoli, il quale era seduto al bar con la sua ragazza.

Da lì i carabinieri si sono spostati nella sua abitazione, dove il ragazzo vive con i genitori, persone molto conosciute. Nel garage c’era una moto di grossa cilindrata e almeno due caschi. Simili a quelli ripresi dalla telecamera di una casa, lì nei pressi, completa di audio, che ha “immortalato” anche il rombo del motore.

Ci sarà una comparazione audiovisiva? Oltre che, naturalmente, il rilievo di terriccio sulle ruote riconducibile allo sterrato dove si è consumato l’omicidio. Poi ancora. Il padre del ragazzo è stato ascoltato e, dopo di lui, i carabinieri hanno convocata anche sua moglie. Questa mattina, sabato 6 giugno, è in corso una perquisizione anche nell’abitazione di San Pio X. Cosa si sta cercando? Qual è la pista che gli investigatori stanno seguendo per risalire ad un eventuale movente del delitto?

 

L’omicidio di Antonio Cianfrone, è caccia alla moto fantasma: le attenzioni dei Carabinieri si posano sull’autostrada A14 in direzione sud

Gli assassini di Cianfrone arrivati da lontano? Acquisite le immagini delle videocamere dell’autostrada A14 e delle aree di servizio

«A Pagliare c’è silenzio totale, la gente è davvero esterrefatta»

Il cordoglio di Luciani e Narcisi: «Siamo vicini alla famiglia, speriamo sia un caso isolato»

L’omicidio di Antonio Cianfrone, a Pagliare gente incredula: «Lo conoscevamo in molti, siamo sgomenti per il luogo dove è accaduto e le modalità»

L’omicidio dell’ex carabiniere: Antonio Cianfrone è stato raggiunto da diversi colpi di piccolo calibro

Un agguato pianificato: lo aspettavano a piedi e l’hanno colpito alle spalle

Due killer su una moto: c’è una testimone, indagini serrate (Le foto)

Caccia aperta ai killer L’appello ai cittadini: «Chi ha visto, parli»

Agguato mortale all’ex maresciallo dei Carabinieri Antonio Cianfrone: ucciso sulla ciclabile tra Pagliare e Monsampolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X