facebook rss

Lotta all’evasione fiscale
e controlli anti frode:
la Finanza festeggia 246 anni

ANCONA - Questa mattina la cerimonia alla presenza del Prefetto per ricordare la fondazione del corpo delle fiamme gialle e stilare un report dell'attività repressiva e preventiva portata avanti nel 2019, comprese le operazioni avvenute durante l'emergenza Covid
Print Friendly, PDF & Email

La deposizione della corona

 

La Guardia di Finanza festeggia il suo 246esimo anniversario della fondazione. La cerimonia si è tenuta questa mattina alla caserma Paolini di Ancona nel rispetto delle prescrizioni anti-Covid. Ha partecipato il prefetto Antonio D’Acunto, che unitamente al comandante regionale Fabrizio Toscano, ha deposto una corona d’alloro ai piedi della lapide dedicata al sottotenente Gian Maria Paolini, medaglia d’argento al valor militare. Nel 2019 i reparti del comando regionale  hanno eseguito in totale 17.110 interventi operativi e 1.891 indagini delegate dalla magistratura ordinaria e contabile. Evasione fiscale internazionale, frodi carosello, indebite compensazioni, illeciti doganali e traffici illeciti di prodotti petroliferi sono alcuni dei fenomeni più gravi, pericolosi e diffusi sul territorio regionale su cui si sta concentrando l’attenzione del corpo per contrastare gli effetti distorsivi della concorrenza provocati dall’evasione e dalle frodi fiscali.  Sono stati 356 i reati fiscali scoperti. Denunciati 327 responsabili, di cui 11 tratti in arresto.  Il valore dei beni sequestrati per reati in materia di imposte dirette e Iva è di oltre 31 milioni di euro.  Sono 24 i casi di evasione fiscale internazionale rilevati, riconducibili principalmente a stabili organizzazioni occulte, estero-vestizioni della residenza fiscale e illecita detenzione di capitali all’estero.  Sono 373 gli evasori totali individuati.  Sequestrati, inoltre, circa 38 mila kg di prodotti energetici e 3.549 kg di sigarette di contrabbando.  Nel settore del contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica sono stati 793 gli interventi, 300 le deleghe d’indagine concluse in collaborazione con la magistratura ordinaria e con la Corte dei Conti.  Nell’ambito della spesa previdenziale e sanitaria, i reparti hanno portato a termine, in totale, 53 interventi, segnalando all’autorità giudiziaria 11 persone.  Scoperte, a livello regionale, indebite percezioni e richieste di contributi nel settore della Politica Agricola Comune e della Politica Comune della Pesca per circa 200mila euro.  Sono stati segnalati alla magistratura contabile 120 soggetti per danni erariali.   Nel 2019, con riferimento ai risultati conseguiti in applicazione della normativa antimafia, sono stati sottoposti ad accertamenti patrimoniali 158 soggetti.  In materia di repressione del riciclaggio dei capitali illeciti sono state sviluppate 33 indagini di polizia giudiziaria, da cui è scaturita la denuncia all’autorità giudiziaria di 46 responsabili per i reati di riciclaggio e auto-riciclaggio.  Sul fronte della prevenzione, i reparti marchigiani hanno proceduto all’analisi di 621 segnalazioni di operazioni sospette.  Nel settore della tutela del mercato dei beni e dei servizi le fiamme gialle hanno effettuato 461 interventi, sottoponendo a sequestro 2.239.170 prodotti industriali contraffatti e/o non sicuri. Ammontano a circa 56 chili le sostanze stupefacenti sequestrate dal corpo, di cui oltre 17 chili di droghe pesanti (cocaina e eroina). 197 sono stati i soggetti denunciati, di cui 44 tratti in arresto. In questo contesto, assume rilevanza anche l’attività svolta a mare nel 2019 dal Reparto Operativo Aeronavale di Ancona attraverso l’esecuzione di 719 crociere a contrasto dei fenomeni di illegalità economico-finanziaria, nonché dei traffici illeciti. Sono oltre 5mila i controlli svolti a partire dallo scorso mese di marzo per assicurare il rispetto delle misure di contenimento della pandemia: 106 persone denunciate, a vario titolo, per violazioni commesse nel periodo dell’emergenza.  Con riguardo al contrasto all’infiltrazione della criminalità organizzata nel tessuto economico della regione, nei primi cinque mesi del 2020 sono stati svolti accertamenti patrimoniali nei confronti di 115 soggetti, con beni mobili, immobili, aziende, quote societarie e disponibilità finanziarie, per un valore di circa 10 milioni di euro.
I provvedimenti di sequestro e confisca operati in applicazione della normativa antimafia sono ammontati complessivamente a oltre 2 milioni di euro.   Nei primi mesi del 2020, sono stati sottoposti a sequestro 362.138 mascherine e dispositivi di protezione individuale, 12.934 confezioni di igienizzante e 2.441 strumenti ed apparecchi medicali (di cui 1.840 ventilatori polmonari).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X