facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

«Indennità Covid per infermieri,
l’accordo è una beffa»

ANCONA - La segretaria Nursind Elsa Frogioni critica le scelte fatte: «La Regione ha perso una grande opportunità, quella di rendersi responsabile e coerente delle sue promesse e quella di restituire una dignità al lavoro di tutti gli operatori»
Print Friendly, PDF & Email

Ospedale_PoliziottoCaduto_FF-24-325x217

Infermiere in servizio in ospedale

 

«Che fine ha fatto il premio emergenza Covid per gli infermieri delle Marche?». A chiederlo il sindacato Nursind di Ancona, per voce della segretaria territoriale Elsa Frogioni. «Registriamo oggi una profonda delusione e amarezza da parte dei professionisti del comparto sanitario. Nonostante i sacrifici realizzati, l’Asur Marche Area vasta 2, l’Inrca e l’Aou Riuniti di Ancona ad oggi hanno erogato solo le indennità di terapia intensiva e malattie infettive ai colleghi impegnati nell’assistenza diretta dei pazienti affetti dal Covid, una cifra media ridicola che per i famigerati mesi di febbraio, marzo, aprile, consta in media di circa 100 euro al mese. Nessuna indennità di rischio infettivo per chi ha comunque prestato regolare servizio e garantito la continuità assistenziale durante la pandemia nelle degenze e strutture territoriali. Eppure i dati confermano che i contagi sono stati ubiquitari in tutti i servizi, molti pazienti, sanitari infermieri e Oss si sono ammalati proprio negli ospedali e nei servizi territoriali arbitrariamente etichettati “No Covid”».

Ospedale_CUP_FF-1-325x217Prosegue Frogioni che «le scelte delle “bollinature” “Covid si”, oppure “Covid no”, sono state unicamente selezioni di convenienza strategiche, organizzative e politiche che purtroppo hanno anche determinato chi doveva beneficiare di maggiori forniture dei preziosi (perché molto scarsi) dispositivi di protezione individuale. Nell’emergenza le rare risorse di protezione disponibili sono state convogliate nelle strutture designate Covid, negli altri presidi e servizi i professionisti si sono “arrangiati” con il poco che avevano, grazie anche ad acquisti individuali a proprie spese e al sostegno delle associazioni di volontariato. Addirittura molti colleghi per proteggere familiari e pazienti, hanno optato di porsi in auto-isolamento preventivo in alloggi di fortuna, pagati sempre di propria tasca, perché ne la Regione ne la Protezione Civile ha mai accolto di sostenere le legittime istanze degli infermieri. Infermieri a cui sono state negate ferie, congedi, permessi, anche quando richieste per assistere propri familiari e figli; perché fatua, anche la promessa di assunzioni straordinarie di personale infermieristico e sanitario. Questi i dati inconfutabili che in rigore di equità e giustizia dovrebbero consegnare l’indennità di malattie infettive a tutti questi colleghi. Diritti e giustizia che la Regione Marche in primis e a cascata le aziende sanitarie pubbliche di Ancona, non hanno intenzione di onorare».

La sindacalista parla quindi di «accordo beffa regionale condiviso dai sindacati confederati Cgil, Cisl, Uil, dalla Fsi, Fials e perfino da Nursing Up, frutto della massima incompetenza. Risorse economiche stanziate insufficienti e malamente distribuite, alla Dirigenza medica che pesa numericamente circa 1/3 del personale sanitario è stato attribuito praticamente più del 50% del fondo, poi alle varie aziende pubbliche regionali i fondi sono stati suddivisi in percentuale a seconda del numerosità del personale dipendente. Una divisione “dei pani e dei pesci” senza i criteri oggettivi dell’impegno profuso dalle varie aziende sanitarie regionali, che sappiamo non essere stato sicuramente uniforme e i dati Regionali possono darne contezza. L’afflusso dei pazienti Covid e dei contagi si è determinato in maggior misura in specifiche realtà e sedi: l’Area vasta 2, gli Ospedali Riuniti di Ancona, l’Inrca, l’Area vasta 1 e gli ospedali riuniti Marche Nord, dove è stato sicuramente profuso l’impegno maggiore. Le altre aree vaste hanno dato notevole supporto, particolarmente in alcune sedi come l’ospedale di Camerino e nei servizi di area critica».

Insomma, secondo Frogioni, «la verità è che non ci sono i 1000 euro di premio per chi ha realizzato assistenza nelle coviderie e l’ipocrisia ora è quella di osservare, nelle varie aziende i sindacati firmatari dell’accordo Regionale arrampicarsi sugli specchi per poter consegnare una cifra “decente” di premio a pochi, disponendosi a sacrificare, svendere molti colleghi infermieri che pur avendo garantito l’assistenza dei pazienti durante la pandemia si ritroveranno ad avere lo stesso premio del personale amministrativo e tecnico, che hanno fatto lavori di “carte” ed al massimo di trasporti di materiale utile. La Regione Marche ha perso una grande opportunità, quella di rendersi responsabile e coerente delle sue promesse e quella di restituire una dignità al lavoro di tutti gli operatori e professionisti sanitari che ogni giorno e in ogni situazione, dimostrano di onorare il loro mandato di assistenza e cura della popolazione, senza ormai avere più speranza dell’equità e giustizia di chi governa il servizio sanitario pubblico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X