facebook rss

Un “Chip” lanciato sul futuro:
ecco il centro di ricerca Unicam
(Video)

CAMERINO - Presentazione della nuova struttura in costruzione nell'ateneo: 7.000 metri quadri, con la  forma che ricorda la particella elettronica, 44 laboratori e altrettanti uffici. Isolato dal punto di vista sismico, è stato progettato dalla Scuola di architettura. Sarà pronto in primavera. Il rettore Pettinari: «Un riferimento di bellezza e sicurezza per l'Italia intera»
Print Friendly, PDF & Email
La conferenza stampa all'interno del cantiere del centro di ricerca Unicam

 

di Gabriele Censi

Come un chip, la forma del nuovo edificio che ospiterà il “Centro di ricerca universitario” di Unicam in via Madonna delle Carceri a Camerino, è un simbolo della volontà di guardare al futuro dell’ateneo e della sua governance. I lavori sono già al 70% per quanto riguardo la struttura e sono in partenza le opere di riempimento con l’obiettivo di inaugurare per la prossima primavera.

chip-unicam-4-325x183

Il plastico del centro di ricerca

Si tratta del progetto più grande dell’ateneo, nato immediatamente dopo gli eventi sismici del 2016, cofinanziato dalla Regione Marche tramite i fondi della Protezione Civile nazionale e riguardante l’attivazione di un nuovo polo internazionale per la ricerca e l’innovazione, interamente realizzato dai docenti della Scuola di Architettura e Design. In uno spazio di circa 7.000 metri quadri, con la  forma che ricorda appunto la particella elettronica, ma che è anche l’acronimo di Chemical Interdisciplinary Project, saranno collocati 44 laboratori e altrettanti uffici, sale studio e un’aula per conferenze, nel quale troveranno principalmente spazio docenti e ricercatori della sezione di Chimica.

conferenza-stampa-cantiere

Andrea Dall’Asta, Claudio Pettinari. Graziano Leoni e Luigi Coccia

L’edificio sarà isolato sismicamente per ottenere un elevatissimo livello di protezione dei laboratori, attraverso una progettazione altamente innovativa, unica nel panorama nazionale. Un filmato mostrato in conferenza stampa dentro il cantiere ha documentato la “prova spinta” a cui è stato sottoposto. «E’ un edificio sicuro che poggia su 64 pilastri in cemento armato con dei dissipatori sismici che garantiscono la non trasmissione in alto delle scosse», ha spiegato il progettista Luigi Coccia. «Abbiamo sognato in grande con il supporto della Protezione civile e di Angelo Borrelli- ha ricordato con emozione il rettore Claudio Pettinari – è un edificio che unisce bellezza e sicurezza. Potremo ora dare ai nostri ricercatori la possibilità di usufruire di laboratori idonei e sicuri, dove poter portare parte delle attrezzature che in questo momento non stiamo utilizzando e quelle presenti in edifici che stiamo sistemando».

pettinari

Il rettore Claudio Pettinari

In conferenza stampa anche Graziano Leoni, prorettore vicario con delega alla Ricostruzione: «La nostra vitalità è simbolicamente in questa opera». E l’altro progettista della Scuola di architettura e design Andrea Dall’Asta, che ha realizzato le prove coinvolgendo tanti giovani ricercatori anche alla loro prima esperienza, prova effettuata nei primi giorni del mese di luglio.

Luigi-Coccia

Luigi Coccia

«Non c’erano precedenti a riguardo ma è andato tutto bene – dice  soddisfatto Dall’Asta – Attraverso un dispositivo di spinta appositamente progettato, l’edificio è stato “spostato” di circa 30 cm ed è stato poi lasciato libero di vibrare, proprio come succederebbe in caso di sisma, e tutto ha funzionato alla perfezione».

Il Polo dovrà occuparsi di soluzioni nel campo dei nuovi materiali, dell’agroalimentare, della salute e benessere, dell’edilizia sostenibile, del recupero e della valorizzazione dei beni culturali. Il Centro porrà anche l’attenzione sulle evoluzioni dello scenario mondiale nell’ambito delle smart cities. Le collaborazioni già avviate tra Unicam e Cnr, Ispra, Infn, centri di ricerca e università nazionali ed internazionali costituisce, inoltre, una base ottimale per la promozione di proposte di ricerca nell’ambito europeo.

cantiere

chip-unicam-1-650x366

gruppo-2-650x433

Il gruppo di ricercatori che ha effettuato le prove

chip-unicam-2-650x366

chip-unicam-3-650x366

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X