facebook rss

Parcheggiatore abusivo
denunciato dalla Polizia

SENIGALLIA - Stamattina il 30enne ha tentato di sfuggire ai controlli in zona Stadio scappando in sella ad una bici. Dopo un breve inseguimento è stato raggiunto dagli agenti in zona Parco della Pace ed è risultato recidivo
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Tenta di fuggire al controllo della Polizia, denunciato un parcheggiatore abusivo recidivo. Nel corso delle attività di controllo del territorio, stamattina personale della Squadra Volante del Commissariato di P.S. di Senigallia è stato chiamato ad intervenire in zona Stadio poiché veniva segnalato che una donna, nel salire sul proprio autoveicolo lì parcheggiato, era stata impaurita di seguito a delle pressanti richieste di denaro da parte di un giovane. Gli agenti immediatamente si sono recati in zona Stadio ed all’arrivo hanno notato la presenza di diversi giovani che si muovevano tra le auto. I poliziotti, dopo aver osservato le persone presenti nell’area di parcheggio- alcuni dei quali indicavano agli automobilisti i posti liberi e agevolavano le manovre di parcheggio- sulla base delle descrizioni fornite dalla donna, hanno notato subito il giovane segnalato che, però, tentava di scappare in sella ad una bici. Dopo un breve inseguimento, in zona parco della pace, il giovane è stato raggiunto dagli agenti e bloccato.

Nei confronti dell’uomo, N.C., di 30 anni originario del Senegal ma da tempo presente in città, sono stati effettuati accertamenti circa la presenza sul territorio nazionale, risultando in fase di regolarizzazione. Da ulteriori verifiche è emerso inoltre che, già qualche mese addietro, lo stesso era stato trovato, presso una piazza cittadina, dedito a svolgere l’attività di parcheggiatore abusivo e per questo sanzionato. Alla luce di tali accertamenti, alla luce della recente modifica normativa, il giovane è stato denunciato poiché recidivo nella commissione dell’attività di parcheggiatore abusivo. Inoltre gli venivano sequestrate alcune decine di euro, provento dell’illecita attività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X