facebook rss

Fincantieri, sciopero di otto ore:
«Rivedere il protocollo sulla sicurezza»

ANCONA - Astensione di otto ore indetta dalle sigle sindacali Fim, Fiom e Uilm per chiedere, anzitutto, uno screening sugli operai con test sierologici periodici
Print Friendly, PDF & Email

Lavoratori in sciopero

 

Sciopero di otto ore alla Fincantieri per «rivedere il protocollo sulla sicurezza e chiedere test sierologici per tutti i dipendenti». Queste le richieste fatte all’azienda dai sindacati Fim, Fiom e Uilm che questa mattina hanno capeggiato il presidio di fronte all’ingresso del cantiere. L’astensione è stata decisa dopo i casi positivi riscontrati nei lavoratori sia direttamente connessi a Fincantieri, che legati alle ditte in appalto. Nel pomeriggio, una prima risposta allo sciopero. E’ stato indetto per i 14 ottobre un tavolo in Prefettura tra sindacati, Fincantieri ed enti ispettivi per cercare un punto d’incontro in merito alle esigenze dei lavoratori e all’attuale situazione epidemiologica. «Qualcosa si è mosso – ha detto Tiziano Beldomenico, segretario regionale Fiom -. Vediamo se riusciamo a tradurre l’incontro della prossima settimana in un accordo per la modifica del protocollo sulla sicurezza».  «Con questo sciopero – ha detto Leonardo Bartolucci, segretario Fim Marche – vogliamo sollecitare l’attenzione di Fincantieri e delle istituzionali preposte per non disperdere quanto di positivo fatto fino ad oggi dalle Rsu nell’applicare il protocollo sulla sicurezza Covid e per evitare che sia messa in discussione la continuità produttiva. Chiediamo di aggiornare il protocollo prevedendo test sierologici diffusi, ed in particolare dove si verificano positività al fine di contenere e isolare eventuali altri casi, e dare così tranquillità ai lavoratori. Chiediamo inoltre interventi per migliorare il trasporto dei dipendenti e controlli per evitare assembramenti anche nelle vicinanze del cantiere specie nelle pause dei pasti».

«Pretendiamo di lavorare in sicurezza»: scatta lo sciopero alla Fincantieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X