facebook rss

Incrocio del Poggio, sopralluogo di Foresi:
«Troveremo soluzioni
per dare maggiore sicurezza»

ANCONA - L'assessore ha incontrato questa mattina i residenti della frazione, ipotizzando gli interventi (bande sonore e revisione segnaletica) da attuare in modo tale da rendere più sicuro l'intersezione dove troppe volte si sono verificati incidenti gravi e anche mortali. Tutto ciò, in attesa della rotatoria che i poggesi si augurano costruisca al più presto la Provincia
Print Friendly, PDF & Email

Il sopralluogo dell’assessore Foresi

 

di Alberto Bignami

«Un momento di ascolto con i poggesi, per trovare una soluzione momentanea necessaria per dare sicurezza all’incrocio del Poggio in attesa di una possibile rotatoria». L’assessore alla Sicurezza Stefano Foresi, nei giorni scorsi ha chiesto un incontro ai residenti del Poggio concordato e tenutosi questa mattina alle 11. Insieme hanno fatto un sopralluogo all’incrocio della Gradina, il punto in cui lo scorso 18 settembre si è verificato l’ennesimo incidente, purtroppo mortale, nel quale ha perso la vita il 27enne fabrianese Luca Silvestrini. Un punto pericoloso per le sue quattro intersezioni dato che proprio lì si incrociano le strade per: Ancona, Sirolo, Camerano e Poggio. Tutto, inoltre, in prossimità di una curva.
Il problema burocratico sta nel fatto che la strada è provinciale, attraversata però da una via comunale. I residenti sono ben 12 anni che scrivono a Comune e Provincia per trovare una soluzione individuata, secondo chi vi abita, in una rotatoria. Non è possibile infatti mettere in quel punto «un semaforo – ha detto Foresi – autovelox o dossi artificiali. La soluzione però, per il momento potrebbe essere nel creare delle bande sonore sulla strada e liberare la visibilità rendendola migliore». Durante il sopralluogo fatto insieme ai poggesi, ci si è resi conto di come potrebbe essere utile non solo sfoltire e curare la vegetazione, ma anche indietreggiare la segnaletica stradale che, per chi si ferma allo Stop venendo da Camerano, occupa la visuale della strada da Sirolo. La proposta è stata accolta e «ovviamente da vagliare, ma senza dubbio attuabili – ha spiegato l’assessore -, i lavori potrebbero partire con il prossimo periodo di aprile e maggio». La strada provinciale del Conero è infatti molto frequentata soprattutto con l’inizio della primavera. Per quanto riguarda la rotatoria, trattandosi di una strada provinciale, ad occuparsene dovrebbe essere invece la Provincia. La speranza dei poggesi, che hanno sottolineato l’impegno e la disponibilità dell’assessore, è che altrettanto faccia la Provincia «Trovando – hanno detto – un momento per un incontro durante il quale decidere per la soluzione definitiva che, a nostro avviso, è quella della rotatoria». Il timore, infatti «è quello che poi si rimanga con le bande sonore a vita, senza attuare la soluzione definitiva e migliore, per evitare altri incidenti spesso gravi e anche mortali».

Camper contro auto: due feriti, uno è gravissimo Tratto di provinciale chiuso per 3 ore

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X