facebook rss

I metalmeccanici
verso le sciopero generale

ANCONA - Il 5 novembre Fim, Fiom e Uilm provinciali hanno deciso di organizzare la mobilitazione davanti alla sede territoriale di Confindustria
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Dopo la prima ondata di scioperi delle fabbriche metalmeccaniche, in seguito allo strappo della trattativa da parte della Federmeccanica, è continuata la mobilitazione con ulteriori aziende scese in lotta, tra cui l’Electrolux di Cerreto d’Esi, la Amc Ghergo Group, la Divisione Thermowatt dell’AristonThermo Group ed altre. «Diverse migliaia le lavoratrici ed i lavoratori hanno aderito alle iniziative proclamate dalle Rsu, – fa sapere in una nota la Segreteria della Fiom Cgil di Ancona – all’interno del pacchetto delle ore di sciopero decise a livello nazionale per dare una risposta a Federmeccanica, con adesioni altissime; oltre un centinaio di assemblee sono state convocate nei posti di lavoro e sono ancora in corso, nel pieno rispetto delle normative anti covid, per informare le persone, in preparazione dello sciopero generale del 5 novembre e dell’iniziativa che Fim, Fiom e Uilm provinciali hanno deciso di organizzare dalle ore 10 davanti alla Confindustria territoriale. Nel momento più drammatico per il Paese, avviene l’ennesimo attacco al Contratto Nazionale di Lavoro e a questo siamo costretti a rispondere con l’unico strumento che abbiamo a disposizione. Il prossimo 5 novembre, 4 ore sciopero generale per la difesa e la conquista del contratto nazionale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X