facebook rss

Riattivato lo sportello
di supporto alle famiglie

IL GARANTE Andrea Nobili lo ha deciso soprattutto per il benessere dei giovani, dopo il riavvio della didattica a distanza per le superiori e le limitazioni alla socializzazione anche nei luoghi d’intrattenimento
Print Friendly, PDF & Email

Il garante dei diritti Nobili

 

 

Il garante regionale, Andrea Nobili, fa ripartire lo sportello ”Supporto alle famiglie – In linea con i diritti”, progetto d’intervento a distanza già sperimentato nell’aprile scorso e attivato con la collaborazione di Save The Children. «E’ necessario porre attenzione – spiega Nobili – soprattutto sulle eventuali ricadute che le nuove disposizioni legate all’emergenza Coronavirus potrebbero avere nella vita dei nostri ragazzi, così come accaduto nel periodo del lockdown. La didattica a distanza per le scuole superiori, le limitazioni che vanno ad interessare i luoghi d’intrattenimento e socializzazione potrebbero determinare ulteriori disagi a cui sarà necessario fornire risposte e nuove forme di supporto. Dobbiamo saper interpretare le dinamiche in atto e agire di conseguenza». Obiettivo dello sportello è quello di rendere possibile un primo supporto per assicurare la tutela dei minori e fornire risposte alle numerose richieste di sostegno psicologico, emotivo, educativo e relazionale che arrivano dalle stesse famiglie. Il servizio puo’ essere attivato contattando i numeri 071.9257702 (lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12) e 346.8893703 (martedì, giovedì e venerdì dalle 15 alle 18). La consulenza sarà possibile per via telefonica, utilizzando WhatsApp, Skype o altre modalità di contatto, concordate con gli esperti. Nel caso in cui le linee risultino occupate si suggerisce di inviare un messaggio per essere ricontattati. Referenti del progetto Carla Urbinati (Ufficio Garante Infanzia ed Adolescenza Regione Marche) e Viridiana Colombo (Progetto Fiocchi in Ospedale Ancona – Save The Children).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X