facebook rss

Revisione Prg, in Comune
100 richieste di modifica

OSIMO - Concluso l'iter di confronto con i cittadini che hanno presentato ai tecnici diverse proposte: dalla retrocessione delle aree da edificabili ad agricole fino alla rivisitazione degli Ambiti di trasformazione strategica
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Nuovo passo avanti per la revisione del Piano regolatore generale di Osimo. «Nel mese di ottobre si è concluso l’iter di apertura del bando aperto alla cittadinanza per il recepimento di eventuali modifiche all’assetto del Prg vigente. – spiega il sindaco Simone Pugnaloni – Sono giunte a chiusura bando 100 richieste. Con l’assessore all’urbanistica Pagliarecci in settimana abbiamo incominciato, con la dirigente all’urbanistica, a visionare le domande pervenute dalla cittadinanza osimana per una nuova e rinnovata pianificazione urbanistica della citta’. Molte di esse sono in linea con i nostri obiettivi, in primis retrocedere aree da edificabili ad agricole nel rispetto degli enti sovraordinati e per eliminare il contenzioso al Tar che per colpa delle liste civiche è costato agli osimani sia in termini di spese legali sia in termini di pagamenti Imu per aree dove mai si sarebbe potuto edificare». Il sindaco ricorda però che ci sono state diverse altre richieste «in linea con i nostri nuovi obiettivi che prevedono la rivisitazione degli Ats (ambiti di trasformazione strategica) dove venivano ricomprese grande aree di sviluppo edilizio per finanziare la variante a sud ma dove tanti cittadini erano rimasti delusi sia perche non volevano il fondo di proprieta’ quale area edificabile o non volevano edificare semmai in convenzione con altri». Ultima due tipologie di richieste riguardano sia richieste di traslazione della zonizzazione di alcune aree da una parte ad altra della citta’ «rispondendo ad esigenze contrapposte dei nostri concittadini. Infine alcune richieste – chiude Simone Pugnaloni – esprimono un’esigenza ben specifica ovvero quella di modifiche puntuali alle norme di attuazione del Prg vigenti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X