facebook rss

Emergenza Covid: slitta Corto Dorico

ANCONA - Il festival, previsto per dicembre, si terrà a marzo
Print Friendly, PDF & Email

La platea di una passata edizione di Corto Dorico

 

A causa del perdurare dello stato di emergenza e alla luce delle nuove disposizioni governative per il contenimento del Covid-19, la diciassettesima edizione di Corto Dorico co-organizzato da Nie Wiem e dal Comune di Ancona con il sostegno di Mibac Direzione per il Cinema e della Regione Marche e prevista dal 5 al 13 dicembre 2020 ad Ancona è stata riprogrammata nella settimana dal 20 al 28 marzo 2021. Nel frattempo, a partire da dicembre, a tenere compagnia gli appassionati di cinema durante questi mesi, saranno organizzati appuntamenti online le cui date e contenuti verranno comunicati nei prossimi giorni. «Ci sarebbe stata la possibilità di fare Corto Dorico 2020 interamente online, come hanno scelto di fare altre realtà – ha spiegato il co-direttore artistico, Luca Caprara – ma la convinzione che un Festival sia innanzitutto condivisione e partecipazione, forte radicamento con un territorio, possibilità di vedersi contenuti audiovisivi su un grande schermo e a contatto con gli autori, ci ha spinto a fare questa scelta. L’auspicio di tutti noi è che tra qualche mese si possa davvero tornare a fare spettacolo, si possa davvero tornare a teatro, al cinema, assistere ad un concerto, si possa davvero cogliere di nuovo appieno l’esperienza di vivere un Festival in presenza». Il Festival Corto Dorico, diretto da Daniele Ciprì e Luca Caprara si propone di raccontare l’universo italiano del cortometraggio ed i suoi autori, il loro passaggio al lungometraggio con il Concorso dedicato alle Opere Prime, favorisce l’interazione tra i professionisti e il pubblico tramite incontri, workshop e masterclass, sviluppa progetti audiovisivi legati all’inclusione e alle scuole, ha come missione la sfida di ricercare, promuovere e sostenere nuovi sguardi, poetiche, visioni. Dal cinema narrativo a quello sperimentale, dal documentario all’animazione, il cinema per Corto Dorico è cinema senza discriminazioni di genere o formato. Nonostante la situazione emergenziale che ha colpito in questi mesi l’industria cinematografica, tante le adesioni ai Concorsi dell’edizione 2020 e per il bando internazionale del Premio Amnesty International “A Corto di Diritti” / “Short on Rights” dedicato ai cortometraggi internazionali che trattano temi legati ai diritti umani, sono stati addirittura oltre 50 i Paesi nel mondo che hanno partecipato, con opere provenienti da paesi come Siria, Pakistan, India, Afghanistan e Senegal.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X