facebook rss

Dalla Puglia a Fabriano
senza giustificazione:
foglio di via per un 21enne

CONTROLLI – Durante un servizio di pattugliamento per la verifica del rispetto delle norme anti Covid ha spinto gli agenti del Commissariato ad approfondire la presenza di tre giovani in città, impropria a causa delle limitazioni agli spostamenti, accertando che erano avvezzi al saccheggio dei distributori automatici. Il maggiorenne è stata segnalato alla Questura
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Controlli coordinati del territorio nel Comune di Fabriano da parte della Polizia di Stato che, con l’ausilio della Polizia locale ha provveduto nel corso della settimana scorsa, al controllo di 450 persone e 250 veicoli, per accertare non solo il rispetto della normativa sul Covid19, ma anche nell’ambito della consueta attività di controllo del territorio finalizzata alla prevenzione e repressione dei reati. In totale sono stati elevati nove verbali per violazioni della normativa Covid Nel contempo, da controlli degli alberghi della città è emersa la presenza nel centro cittadino di un gruppo di giovani pugliesi di cui uno di 21 anni e gli altri due minorenni. La presenza dei tre in città, già di per sé impropria a causa delle limitazioni agli spostamenti previsti per la situazione epidemiologica in atto, ha fatto si che gli investigatori approfondissero la questione, trovando che gli stessi soggetti erano pluripregiudicati per reati contro il patrimonio. In particolare gli stessi erano avvezzi al saccheggio dei distributori automatici e avevano già, oltre alle numerose denunce, collezionato fogli di via da altre città italiane. Data la mancanza di giustificazione alla presenza sul territorio fabrianese, forse propedeutica ad una “visita” ai distributori automatici locali, e e in questo senso sventata in tempo dagli uomini del commissariato capo Mazza, dirigente del Commissariato di Fabriano, il maggiorenne ha ricevuto immediatamente un altro foglio di via, questa volta da parte del Questore di Ancona, e si sono visti verbalizzare per inottemperanza al divieto di sposamento tra regioni al fine della prevenzione del contagio da Covid19.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X