facebook rss

Addio a Carlo Cardarelli:
una vita passata a tutelare i più deboli

ANCONA - Il presidente di Acu Marche e fondatore, a livello provinciale, dell'Unione Inquilini si è spento questa mattina all'età di 59 anni, all'ospedale di Torrette. Aveva contratto il Covid-19
Print Friendly, PDF & Email

Carlo Cardarelli (Fb)

 

Una vita passata ad aiutare gli altri e a tutelare i più deboli. Sono state mille le battaglie portate avanti da Carlo Cardarelli, scomparso questa mattina all’età di 59 anni all’ospedale regionale di Torrette. Era presidente Acu Marche (associazione consumatori e utenti) e uno dei fondatori dell’Unione Inquilini Ancona. Ricopriva il ruolo di segretario regionale. Alla cittadella sanitaria di via Conca si trovava ricoverato da giorni. Era risultato positivo al Covid-19 ed era gravato da altre patologie. La notizia della scomparsa di Cardarelli, che lavorava alle Poste di Largo XXIV maggio, si è diffusa velocemente tra i suoi affetti e le persone che con lui hanno portato avanti battaglie e idee. Emblematica quella condotta nel 2014, quando impedì lo sfratto da un appartamento di via Marconi, ad Ancona, ai danni di una donna invalida al 100% e gravata da numerose patologie. Sempre disponibile e dall’animo gentile, era diventata una figura di riferimento per i consumatori. Da ultima, la questione circa l’autovelox di Falconara, seguita legalmente dall’avvocato Italo D’Angelo, grande amico di Cardarelli. E’ stato proprio dell’ex questore uno dei ricordi più delicati lasciati su Facebook per la scomparsa del 59enne: «Carlo è stato uno tra i riferimenti più nobili e leali di cui disponeva l’ACU. Da anni, quotidianamente, con assoluto disinteresse, era impegnato a difesa degli ultimi a dispetto degli opportunismi cui molti ricorrono. Buono e generoso era il nostro caro amico Carlo che ha combattuto fino all’ultimo questo vile virus. Abbiamo sperato e pregato che l’avrebbe vinto per godere ancora a lungo della sua straordinaria umanità. Il Signore ha scelto di aprirgli le porte del Cielo e di dargli la corona di alloro che spetta ai giusti. Lo salutiamo commossi con un addio». A ricordarlo, anche il PCI, sezione di Ancona: «Un caro nostro compagno ci ha lasciato, vittima dell’attuale pandemia: Carlo Cardarelli, 59 anni, diplomato in telecomunicazioni, perito ispettore di bordo, impegnato in multiformi attività sociali, sempre dalla parte dei più deboli. Aggiornato sulle tecniche comunicative, lo ricordiamo ai nostri convegni munito di cinepresa. Era dirigente dell’Unione inquilini e dell’Associazione consumatori delle Marche. Generoso e instancabile, in prima fila nelle battaglie per la Casa e contro gli sfratti, protagonista dell’esperienza solidale “casa de Nialtri” e di tante battaglie contro il razzismo, per l’ambiente, per la libertà di espressione e il diritto alla salute. Purtroppo non ce l’ha fatta.
Addio compagno Carlo, che la terra ti sia lieve».

(Redazione CA)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X