facebook rss

Scuola Martiri della Libertà:
siglata transazione
con la ditta appaltatrice

JESI - Raggiunto l'accordo stragiudiziale tra Comune, che ora è tornato in possesso dell'immobile, e la società incaricata dei lavori di adeguamento sismico e antincendio
Print Friendly, PDF & Email

La scuola Martiri della libertà di Jesi

 

 

È stato sottoscritto questa mattina l’accordo transattivo che mette definitivamente la parola fine al lungo contenzioso tra Amministrazione comunale di Jesi e ditta appaltatrice dei lavori di adeguamento sismico e antincendio della scuola primaria Martiri della Libertà. La firma è stata posta dopo che la Giunta comunale, nella sua ultima seduta, ha preso atto delle relazioni dei propri consulenti legali e tecnici che evidenziavano la convenienza per l’Ente di sottoscrivere la transazione liquidando alla ditta 42 mila euro e tornando così subito in possesso della struttura. «Ora l’Amministrazione – spiega una nota stampa del Comune di Jesi – potrà finalmente accedere all’immobile la cui area sarà ripulita a breve dalla vegetazione nel frattempo cresciuta e procederà – una volta redatto lo stato di consistenza dei lavori fin qui svolti – a progettare e quindi ad affidare ad altra ditta le opere di completamento per restituire a insegnanti e alunni della Martiri della Libertà una scuola finalmente rinnovata. Di tutte i lavori che hanno riguardato in questi anni le scuole jesine (una ventina gli interventi per recuperare ritardi nelle manutenzioni e messe a norma), quello della Martiri della Libertà è stato l’unico che ha subito un così grave intoppo. Come ampiamente documentato, il tutto è accaduto per inadempienze non certo imputabili all’Amministrazione comunale che anzi – da quel 25 ottobre 2019 quando la ditta ha di fatto interrotto i lavori – ha attivato tutte le procedure consentite dalla legge per ritornare in possesso dell’immobile fino all’ultimo atto, quello dell’accordo transattivo, su cui le parti hanno convenuto, scongiurando ulteriori inaccettabili ritardi per l’attività scolastica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X