facebook rss

Nelle Marche 25mila test rapidi:
in tre giorni 126 i positivi

SCREENING - I tamponi evidenziano una percentuale molto bassa di contagiati: 16 ad Ancona su 1.831 scansioni effettuate
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Screening di massa, sono stati svolti oggi 8.197 test rapidi con 53 persone che sono risultate positive al Covid nelle Marche. I test vengono effettuati al momento nelle città capoluogo.  Ad Ancona 16 positivi su 1.831 test. Pesaro e Urbino hanno 18 postivi su ben 2.263 tamponi rapidi. A Fermo 4 positivi su 1.756 tamponi. Nessun positivo ad Ascoli dove i test sono stati 1.085, a Macerata 1.262 tamponi con 15 persone positivi.  Nei primi due giorni erano state 16.852 le persone che si erano sottoposte a test con 73 casi positivi. Ad Ancona nei primi due giorni sono stati effettuati 3.541 test e sono stati rilevati 12 casi positivi, nelle due città di Pesaro e Urbino 4.824 persone si sono sottoposte a screening e sono stati riscontrati 48 casi positivi, a Macerata 1.743 test di cui cinque positivi. A Fermo 2.534 test di cui quattro con esito positivo. Ascoli: 4.210 test e 4 positivi. Sommando le tre giornate, sono stati fatti 25.049 tamponi e sono state trovate 126 persone positive. Lo screening gratuito rivolto a tutti i cittadini prosegue ad Ancona, Ascoli, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino fino al 23 dicembre. Ad Ancona anche dal 27 al 30 dicembre. Sul sito istituzionale della Regione e dei rispettivi Comuni sono presenti tutte le indicazioni e le modalità per partecipare. A seguire saranno coinvolti, in fasi successive, tutti i comuni delle Marche. L’assessore alla Sanità, Filippo Saltamartini: «A chiusura della terza giornata di screening. Prosegue l’impegno di tanti medici, infermieri e operatori sociosanitari e di tanti volontari che ringraziamo per il grande lavoro svolto. Ci sono ancora altri giorni per potersi sottoporre al test gratuito, un atto di responsabilità nei confronti di noi stessi e nei confronti delle persone che amiamo».

Screening al Palaindoor: prenotazioni al via per la seconda tranche

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X