facebook rss

In congedo il vice brigadiere Pallotta,
una carriera al fianco dei magistrati

ANCONA - Ultimo giorno di lavoro per il militare entrato alla polizia giudiziaria del tribunale nel 1991. E' stato al 'servizio' di quattro procuratori
Print Friendly, PDF & Email

Donato Pallotta

 

Una carriera passata quasi interamente nella sezione di polizia giudiziaria del tribunale, al fianco di quattro vertici della procura distrettuale. Si è congedato a 56 anni il vice brigadiere dei carabinieri Donato Pallotta. Originario di Altamura, è entrato negli uffici del terzo piano del tribunale nel giugno del 1991, quando procuratore capo era Fausto Angelucci. Ad Ancona era stata da poco istituita la direzione distrettuale antimafia. Poi, è stato al fianco di Vincenzo Luzi, Elisabetta Melotti e dell’attuale capo Monica Garulli. Tra le indagini più delicate che ha seguito, la strage di Sambucheto del 6 marzo del 1996, in cui morirono trucidati una donna incinta all’ottavo mese, il marito e il padre di lei. «Fu un’indagine impegnativa – ha ricordato Pallotta – perchè all’epoca non c’era la tecnologia di oggi a poterci dare una mano». Per la mattanza sono state condannate all’ergastolo tre persone. «Cosa mi mancherà del tribunale? Il rapporto con i magistrati e il lavoro: non è facile lasciarlo dopo tanti anni». Le parole del procuratore capo di Ancona Monica Garulli: «Il servizio del vice brigadiere è stato apprezzato da me, da tutti i colleghi dell’ufficio e dai miei predecessori. Con un po’ di rammarico ci priviamo della sua esperienza e del tratto allegro del suo carattere che ci ha accompagnato anche nei momenti meno felici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X